Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Procedono nel riserbo le indagini sull’incendio di Tabgha

Terrasanta.net
14 luglio 2015
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Procedono nel riserbo le indagini sull’incendio di Tabgha
Uno scorcio della chiesa della Moltiplicazione dei pani e dei pesci, a Tabgha, la mattina dopo l'incendio. (foto Basel Awidat/Flash90)

Prosegue in Israele la ricerca dei responsabili dell’incendio appiccato nella notte del 18 giugno scorso alla chiesa della Moltiplicazione dei pani e dei pesci, a Tabgha, in riva al lago di Tiberiade (o mare di Galilea). Il lavoro degli inquirenti è circondato da grande riserbo, ma domenica 12 luglio sulla stampa locale è filtrata la notizia di tre arresti.


(g.s.) – Prosegue in Israele la ricerca dei responsabili dell’incendio appiccato nella notte del 18 giugno scorso alla chiesa della Moltiplicazione dei pani e dei pesci, a Tabgha, in riva al lago di Tiberiade (o mare di Galilea).

Il lavoro degli inquirenti è circondato da grande riserbo e si dipana al riparo di un ordine della magistratura che vieta ai media di pubblicare dettagli sulle indagini. Tuttavia domenica scorsa, 12 luglio, sulla stampa locale è filtrata la notizia che ad occuparsi del caso sono lo Shin Bet (il servizio segreto per la sicurezza interna) e le unità di polizia preposte ai crimini a sfondo nazionalistico (ebraico). Sarebbero state arrestate alcune persone (forse tre), ma altri fermi sono probabili.

La mattina dopo l’incendio doloso a Tabgha, la polizia aveva trattenuto per alcune ore, per interrogarli, 16 giovani abitanti di insediamenti israeliani in Cisgiordania.

Ricette d’Oriente
Anna Maria Foli

Ricette d’Oriente

Le religioni a tavola
L’amaro l’offrite voi?
Bernardo De Luca

L’amaro l’offrite voi?

Avventori e avventure di un ristoratore romano a Roma
Il Presepe nell’arte – II edizione
Rosa Giorgi

Il Presepe nell’arte – II edizione

Viaggio nell’iconografia della Natività