Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

In Siria tornano «liberi» il parroco e alcuni dei cristiani rapiti a Knayeh

Terrasanta.net
9 ottobre 2014
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
In Siria tornano «liberi» il parroco e alcuni dei cristiani rapiti a Knayeh
Fra Hanna Jallouf. (foto CTS/Toufic Bou Merhi ofm)

In Siria sono stati liberati alcuni dei cristiani rapiti la notte tra il 5 e 6 ottobre scorso nel villaggio cristiano di Knayeh da miliziani jihadisti vicini al movimento Al Nusra. Questa mattina anche il parroco fra Hanna Jallouf ha potuto tornare al convento di San Giuseppe dove è stato posto, per così dire, «agli arresti domiciliari».


La Custodia di Terra Santa conferma la notizia giunta pochi minuti fa dalla Siria. Dopo la liberazione di alcune donne che facevano parte del gruppo di parrocchiani di Knayeh (villaggio cristiano nella Valle dell’Oronte) prelevati da miliziani jihadisti vicini al movimento Al Nusra nella notte tra il 5 e 6 ottobre, anche il parroco fra Hanna Jallouf ha potuto tornare a casa. Al telefono il frate minore ha confermato di essere rientrato al convento di San Giuseppe dove è stato posto, per così dire, «agli arresti domiciliari». Il frate può muoversi liberamente nel villaggio, ma non allontanarsi da Knayeh.

Per una Teologia dell’ospitalità
Claudio Monge

Per una Teologia dell’ospitalità

Viaggio nelle tre religioni abramitiche alle radici di una spiritualità dell’accoglienza
La storia di Ho Huan
Roberto Piumini

La storia di Ho Huan

Oskar Schindler
Francesca Cosi, Alessandra Repossi

Oskar Schindler

Vita del nazista che salvò gli ebrei
Verso la verità della Chiesa
Ernesto Borghi

Verso la verità della Chiesa

Leggere gli Atti degli Apostoli oggi