Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Video – Firmato un accordo per aprire al pubblico gli scavi di Magdala

Franciscan Media Center
5 dicembre 2013
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Presso il Lago di Galilea, su un appezzamento di terra di proprietà della Custodia di Terra Santa, i resti di Magdala, la città di Maria Maddalena. Fino ad oggi l’area archeologica non era mai stata aperta al pubblico. Ora si cambia, grazie a un accordo di collaborazione, firmato il 3 dicembre, tra la diocesi di Vicenza e la Custodia: è il progetto Magdala Open.


Sponda nord-occidentale del Lago di Galilea. Su un appezzamento di terra di proprietà della Custodia di Terra Santa, i resti di Magdala, la città di Maria Maddalena. Interessata fin dagli anni Settanta da scavi realizzati dagli archeologi dello Studium Biblicum Franciscanum, quest’area archeologica non era mai stata aperta al pubblico. Ma il 3 dicembre è stato siglato un importante accordo di collaborazione tra la diocesi di Vicenza e la Custodia, che porterà presto all’apertura del sito: prende così corpo il progetto Magdala Open.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
San Francesco e il Sultano
Bartolomeo Pirone

San Francesco e il Sultano

Dramma per musica in quattro quadri
Il dono della speranza
Alessandro Cavicchia

Il dono della speranza

Per attraversare la pandemia, e non solo
Bibbia tra orientalistica e storiografia
Tomislav Vuk

Bibbia tra orientalistica e storiografia

Una introduzione