Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Diplomazie all’opera per la liberazione dei due vescovi sequestrati ad Aleppo

Terrasanta.net
31 ottobre 2013
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

I due vescovi ortodossi, Youhanna Ibrahim e Boulos Yazigi, rapiti il 22 aprile scorso alle porte di Aleppo, la loro sede episcopale, sarebbero ancora in vita e le diplomazie mediorientali lavorano al loro rilascio. Anche l'inviato speciale della Lega araba e delle Nazioni Unite, Lakhdar Brahimi, pare stia negoziando con i rapitori, che sarebbero ceceni.


(Milano/c.g.) – I due vescovi ortodossi, Youhanna Ibrahim e Boulos Yazigi, rapiti il 22 aprile scorso alle porte di Aleppo, la loro sede episcopale, sarebbero ancora in vita e le diplomazie mediorientali stanno lavorando al loro rilascio.

Secondo il giornale libanese al-Joumhouria, anche l‘inviato speciale della Lega araba e delle Nazioni Unite, Lakhdar Brahimi, sta negoziando il rilascio dei due ecclesiastici ortodossi. Secondo il quotidiano, Mokhtar Lamani, delegato di Brahimi a Damasco, sarebbe entrato in contatto con un gruppo islamista radicale ceceno guidato da tale Mohammed Akroff. Il gruppo avrebbe fornito le prove del fatto che i due vescovi – che si troverebbero ancora in Siria – sono tutt’ora in vita. Come nel caso dello scambio e della liberazione di decine di ostaggi, avvenuto la scorsa settimana, le diplomazie di Libano, Turchia e Qatar sarebbero impegnate in prima linea a favore dei vescovi: i contatti tra Brahimi e i ceceni starebbero proseguendo grazie ai servizi segreti turchi e le autorità del Qatar hanno offerto supporto logistico e finanziario per favorire il rilascio dei prelati.

Per la conclusione della vicenda sarà comunque necessario ancora un delicato lavoro diplomatico: infatti i ceceni avrebbero posto, per rimettere in libertà i vescovi, molte condizioni onerose tra cui il rilascio di prigionieri detenuti dal governo siriano e, come scrive il quotidiano libanese al-Liwaa, un cessate il fuoco a lungo termine da parte dell’esercito di Assad.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora