Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Donne in armi, una storia

Carlo Giorgi
17 settembre 2013
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Donne in armi, una storia

Shani Boianjiu, l'autrice di questo libro, è una ragazza israeliana di 26 anni. Come tutte le sue coetanee, ha servito l’esercito vivendo sulla propria pelle questa iniziazione militare, tutt’altro che indolore. Il suo libro è una storia d’invenzione, ma pesca nei ricordi personali. Racconta la trasformazione di Lea, Tael e Avishag, le tre protagoniste, da adolescenti sognanti a donne «ferite» dalla violenza fatta e subita.


Soldati israeliani che fanno check-point, dure marce notturne, arrestano palestinesi e sparano fumogeni ai manifestanti. Come Lea, Tael e Avishag, che sono sì militari israeliani, ma anche tre ragazze di 18 anni, con pensieri, emozioni e speranze ancora tutte da vivere, come qualsiasi adolescente europeo.

Shani Boianjiu, la giovane autrice di questo libro, è una ragazza israeliana di 26 anni. Come tutte le sue coetanee, ha servito l’esercito vivendo sulla propria pelle questa iniziazione militare, tutt’altro che indolore. Il suo libro è una storia d’invenzione, ma pesca con abbondanza nei suoi ricordi personali. Lea, Tael e Avishag, le tre protagoniste, vengono arruolate nell’esercito qualche tempo prima dello scoppio della seconda guerra con il Libano (2006) e, loro malgrado, ne vengono investite.

L’autrice narra la loro trasformazione da adolescenti sognanti a donne «ferite» dalla violenza fatta e subita. E ci racconta, in modo inedito, con occhi femminili, la vita ai posti di blocco nei Territori (con i soprusi nei confronti dei palestinesi e le esplosive reazione di odio di questi ultimi), le attese interminabili dei turni di guardia sul confine con l’Egitto (con la tragedia degli immigrati sudanesi ammazzati prima di scavalcare il filo spinato e raggiungere la salvezza); la vita da caserma vissuta per certi versi innaturalmente dalle donne. Donne che apprendono, prima come un gioco poi con un senso di soffocamento, il funzionamento dei mitragliatori e l’odore della polvere da sparo. Donne il cui desiderio d’amore e la cui delicatezza viene ferito in modo irrimediabile dalla guerra. Fino al punto, come suggerisce il titolo, di sapere di non poter più permettersi di avere paura.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
I più letti
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Sorella anima
David-Marc d’Hamonville

Sorella anima

Alla scoperta di una interiorità possibile
Il volo di Nura
Paola Caridi

Il volo di Nura

L’ebreo di Nazaret
Frédéric Manns

L’ebreo di Nazaret

Indagine sulle radici del cristianesimo