Terrasanta.net | Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Qatar, un calcio ai diritti

di Giuseppe Caffulli
4 luglio 2013
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

La Confederation Cup, il torneo che in Brasile ha radunato a giugno le migliori formazioni calcistiche del mondo, ha tenuto banco non solo per le imprese sportive dei campioni in campo, ma anche per le imponenti manifestazioni di protesta che hanno infiammato le piazze. Ma al mondo del calcio, come cassa di risonanza per rivendicare i propri diritti, non possono guardare con uguale affidamento i tanti lavoratori stranieri (oltre un milione) che in Qatar saranno impiegati nei cantieri aperti in vista della Confederation Cup del 2021 e dei Mondiali di Calcio del 2022...


La Confederation Cup, il torneo calcistico per squadre nazionali che in Brasile ha radunato a giugno le migliori formazioni del mondo, ha tenuto banco sui giornali e in tivù non solo per le imprese sportive dei campioni che si sono sfidati sul campo, ma anche (forse soprattutto) per le imponenti manifestazioni di protesta che hanno infiammato le piazze delle città di quell’immenso Paese. Per giorni e giorni, sfruttando l’impatto mediatico del calcio, i brasiliani sono scesi in piazza per chiedere al governo di Brasilia maggiore attenzione ai temi sociali: scuola, sanità e lavoro. Una partita, quella delle piazze, che ha indebolito non poco la presidente Dilma Rousseff, per la quale sembrano complicarsi, nelle elezioni che si svolgeranno tra poco più di un anno, le prospettive di una riconferma.

Ma al mondo del calcio, come cassa di risonanza per rivendicare i propri diritti, non possono guardare con uguale affidamento i tanti lavoratori stranieri (oltre un milione) che stanno in questi mesi raggiungendo il Qatar. Saranno impiegati nei cantieri che stanno per essere avviati in vista della Confederation Cup del 2021 e dei Mondiali di Calcio del 2022, manifestazione che per la prima volta approda in un Paese del Golfo arabico.

Secondo quanto riferiscono le agenzie di stampa, nei cantieri qatarioti sono all’ordine del giorno incidenti mortali, a causa di quasi inesistenti norme di sicurezza. Ma si contano anche casi di vero e proprio lavoro coatto e sfruttamento, con salari da fame. Una situazione che ha indotto la Confederazione internazionale dei sindacati, che ha sede a Bruxelles, a indirizzare una dura lettera al presidente della Federazione calcistica internazionale (Fifa) Seep Blatter. I dirigenti dell’organismo sindacale mondiale denunciano la situazione lavorativa del Paese, dove una nuova legge sul lavoro di fatto tollera sfruttamento e lavoro forzato: «Per la legge del Qatar, chi assume ha il controllo totale sul lavoratore. Egli decide se l’operaio può cambiare lavoro, tornare nel suo Paese oppure restare».

Con una crescita economica imponente, pari al 19 per cento l’anno, il Qatar (grazie soprattutto al petrolio) è fra i Paesi più ricchi al mondo. Negli ultimi anni filippini, nepalesi, indonesiani, vietnamiti, africani hanno raggiunto questo emirato per contribuire al suo miracolo economico, costruendo palazzi, centri commerciali, porti, oleodotti, infrastrutture. Oggi il Paese conta una popolazione di quasi 2 milioni di abitanti, di cui solo 300 mila qatarioti. Una ricchissima minoranza che guarda al calcio come a una ghiotta occasione per attirare investimenti (sarebbero già stati raccolti 2,87 miliardi di dollari). E per far confluire negli stadi (e negli alberghi di lusso) il fior fiore del jet set internazionale e della finanza mondiale.

L’emiro del Qatar (che da un lato parteggia per gli insorti siriani, dall’altro finanzia la repressione in Egitto) non sembra per ora curarsene. Dalla Fifa sembra non sia giunta risposta. E non stupisce. Del resto, per i dirigenti dal calcio, ciò che capita fuori dal recinto di gioco appartiene solitamente ad un altro mondo. Ma ai tanti migranti che hanno lasciato la loro terra per cercare un lavoro dignitoso e che contribuiranno a realizzare la prima Coppa del mondo nel Golfo Persico,  non si può certo rispondere con un calcio. 

(Twitter: @caffulli)

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai al sito dell'Ufficio pellegrinaggi
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
In nome dell’amore
Simone Weil

In nome dell’amore

Investigazioni spirituali su Gesù di Nazaret
«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

Letture di testi sacri per vivere insieme
Atti degli apostoli: analisi sintattica
Lesław Daniel Chrupcała

Atti degli apostoli: analisi sintattica

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico