Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Gaza 2012, la Storia a una svolta?

Giorgio Bernardelli
20 novembre 2012
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Davanti alla nuova crisi di Gaza proviamo a ricapitolare le idee, lasciandoci guidare da alcune voci che questa realtà la conoscono molto a fondo. E proviamo a farci due domande: che cosa è uno spettacolo già visto e che cosa è nuovo in questa crisi? Alcune risposte possibili tratte della stampa israeliana e libanese di questi giorni.


Non è una grande consolazione per tanti di noi che seguono con continuità il Medio Oriente aver detto per tempo che la tempesta si stava avvicinando. E non è consolante nemmeno vedere la solita schiera di opinionisti che adesso hanno indossato l’elmetto e sono impegnatissimi a fare il tifo, come se fossimo allo stadio e non nel mezzo di una guerra che semina sempre dolore e distruzione.

Proviamo allora a ricapitolare le idee lasciandoci guidare da alcune voci che questa realtà la conoscono molto a fondo. E proviamo a farci due domande: che cosa è uno spettacolo già visto e che cosa è nuovo in questa crisi? Alla prima domanda ha risposto molto chiaramente Nahum Barnea, uno dei più noti editorialisti israeliani. Nell’articolo che linkiamo sotto, uscito su Yediot Ahronot, Barnea spiega che – come al solito – in guerra è facile entrare ma molto difficile poi uscire. È l’esperienza di sempre che in queste ore sta sperimentando anche Netanyahu. Barnea – che scrive da Be’er Sheva, una delle città israeliane più colpite dai razzi palestinesi in questi giorni – utilizza un’immagine molto forte. Si dice ammirato da Iron Dome, il sistema di difesa antimissile che «non spara a tutti i missili, ma sa distinguere quelli realmente pericolosi». Questo – aggiunge in maniera pungente Nahum Barnea – è quanto Netanyahu non ha saputo fare. Il già visto – insomma – è il problema delle campagne militari lanciate per «ristabilire la deterrenza», che è il più vago degli obiettivi, legato più a un’immagine davanti all’opinione pubblica che a uno scopo sostanziale. Così adesso Netanyahu non sa come uscire da questa situazione senza dare l’impressione che abbia comunque vinto Hamas.

Anche perché c’è pure la seconda parte della domanda: in questa guerra  – da parte araba – ci sono infatti una serie di novità. Tre le elenca Rami Khoury nell’altro articolo a cui rimandiamo, pubblicato sul quotidiano libanese The Daily Star: 1) la tecnologia migliore delle armi messe in campo questa volta dalle milizie palestinesi è notevolmente migliore; 2) l’emergere – a Gaza ma non solo – di gruppi islamisti più radicali; 3) l’impatto sulla crisi della presenza di nuovi governi come quello egiziano. A questi tre mi permetto di aggiungerne io un quarto: la situazione in Cisgiordania. Tutti in queste ore stanno concentrando l’attenzione solo su Gaza e Israele, ma nelle città palestinesi cisgiordane la situazione è incandescente, ieri ci sono stati due morti oggi dimostrazioni ovunque. L’Autorità Nazionale Palestinese di Mahmoud Abbas (Abu Mazen), già da tempo agonizzante, sta venendo letteralmente spazzata via. Domani Hillary Clinton andrà a Ramallah ma ormai rischia di essere troppo tardi: abbandonato da due anni dagli Stati Uniti ormai Abu Mazen appare un treno perso.

Tutti questi elementi ci portano a una conclusione: arriverà una tregua, ma l’errore più grave che può fare la diplomazia occidentale è pensare che sia finita lì. O si comprende che questa è l’ultima opportunità per rilanciare l’iniziativa politica in Medio Oriente facendo i conti con la nuova situazione, oppure quello di questi giorni non è altro che l’aperitivo di un conflitto a tutto campo che è ormai dietro l’angolo.

Rilanciare la politica, dunque. Che vuole poi dire lasciarsi interpellare davvero dal volto umano del conflitto. Quello che questa mattina – sempre su Yediot Ahronot – ha raccontato con parole ancora una volta molto forti Izzeldin Abuelaish, il medico di Gaza che durante la guerra del 2009 si vide uccidere tre figlie da un missile israeliano; un uomo che ciò nonostante ha saputo dire «Io non odierò» (come recita il titolo del suo libro). «Ciascuno di noi – scrive – ha il dovere di pensare in maniera indipendente e di rifiutare la logica di chi pensa e parla di “noi e loro”: i nostri bambini e i loro bambini, le nostre vittime e le loro vittime. Dobbiamo invece svegliarci e ricordarci che siamo legati gli uni agli altri e lo saremo sempre. Siamo parte gli uni degli altri e questi sono i nostri bambini, il nostro problema, la nostra guerra, la nostra tragedia, le nostre vittime il nostro futuro e la nostra pace».

Clicca qui per leggere l’articolo di Nahum Barnea

Clicca qui per leggere il commento di Rami Khoury

Clicca qui per leggere l’articolo di Izzedin Abuelaish

 

Acque di Sopra e Acque di Sotto

Acque di Sopra e Acque di Sotto

Letture e interpretazioni di testi sacri
Finalmente libera!
Asia Naurīn Bibi, Anne-Isabelle Tollet

Finalmente libera!

I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19