Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.

Gli altri muri di Israele

Terrasanta.net
3 maggio 2012
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Gli altri muri di Israele
Lavori in corso alla barriera lungo il confine tra Israele ed Egitto.

È già stata violata la barriera di protezione che Israele sta costruendo sul confine con l’Egitto. Secondo quanto dichiarato dall’esercito israeliano nei giorni scorsi i contrabbandieri avrebbero tagliato la rete metallica con strumenti «meccanici e idraulici» introducendosi in territorio israeliano. Intanto, altrove, sono allo studio nuove barriere.


(Milano/c.g.) – È già stata violata la barriera di protezione che Israele sta costruendo ormai da due anni sul confine con l’Egitto. Secondo quanto dichiarato dall’esercito israeliano, infatti, nei giorni scorsi i contrabbandieri avrebbero tagliato la rete metallica con strumenti «meccanici e idraulici» introducendosi in territorio israeliano. Numerosi sospetti sarebbero poi stati fermati.

La notizia conferma come la penisola del Sinai – teatro anche del traffico di esseri umani e percorsa dalle rotte dei profughi africani che vengono fatti entrare illegalmente in Israele – stia vivendo un periodo di grave insicurezza: secondo il giornale degli Emirati Al Arabiya, da quando è caduto l’ex presidente Hosni Mubarak, nel febbraio 2011, la polizia egiziana in servizio nel Sinai è stata attaccata una cinquantina di volte da gruppi palestinesi armati. In particolare – sostiene Al Arabiya citando fonti egiziane – da uomini di organismi come Jaljalat, Esercito dell’Islam, le brigate Ezz Eddin al Qassam e Al Qaeda. Inoltre, negli ultimi mesi si sono moltiplicati nel Sinai assalti a turisti o convogli commerciali. Il quotidiano egiziano Al Masry al Youm sostiene che alcune aree della penisola, come Sheikh Zuwayed e Rafah, siano fuori dal controllo delle forze armate.

Una situazione che ha indotto il premier israeliano Benjamin Netanyahu a paragonare il Sinai al «selvaggio West» e che incoraggia la strategia del suo governo di costruire barriere di protezione lungo i propri confini.

Quella in via di realizzazione alla frontiera con l’Egitto è un’opera di grandi dimensioni: si tratta di una rete metallica alta quasi cinque metri che oggi si estende per poco più di cento chilometri. Una volta ultimata, a fine 2012, ne misurerà oltre 260.

Secondo quanto più volte dichiarato da esponenti del governo e dell’esercito israeliani, la cortina con l’Egitto non rimarrà l’unica: mentre si ventila l’ipotesi di una barriera sul confine siriano del Golan, e lungo la frontiera giordana, è di ieri la notizia che sono iniziati i lavori per un muro a ridosso del Libano. Lunedì scorso, infatti, Israele avrebbe iniziato la costruzione di una barriera alta dieci metri e della lunghezza di due chilometri, per proteggere la cittadina di Metulla, posta non lontano dal confine, dal fuoco dei cecchini appostati nel centro urbano libanese di Kfar Kila.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme
Una forma di vita secondo il Vangelo
Francesco Patton

Una forma di vita secondo il Vangelo

Schede di riflessione sulla Regola bollata per la formazione permanente in fraternità
L’ebreo di Nazaret
Frédéric Manns

L’ebreo di Nazaret

Indagine sulle radici del cristianesimo