Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Verso Santiago via Portogallo

Giampiero Sandionigi
20 giugno 2011
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

In questi giorni approda nelle librerie l’ultima nata delle guide di Terre di Mezzo per chi si rechi a Santiago de Compostela. A Santiago lungo il Cammino portoghese presenta un itinerario poco noto al pubblico nostrano: il Caminho Central, che da Lisbona arriva a Santiago passando per Barcelos, con un itinerario lungo 650 chilometri percorribili a piedi in 23 giorni.


Da anni ormai, con le sue agili guide, Terre di Mezzo Editore è un punto di riferimento per i pellegrini italiani che puntano su Santiago de Compostela percorrendo le più varie direttrici possibili.

Proprio in questi giorni nelle librerie approda l’ultima nata della serie, che illuminerà i passi di chi voglia raggiungere la tomba dell’apostolo san Giacomo partendo da Lisbona.

Irina Bezzi e Giovanni Caprioli, autori di A Santiago lungo il Cammino portoghese, presentano un itinerario poco noto al pubblico nostrano, che predilige la più classica partenza dalla pirenaica Roncisvalle.

Una precisazione utile ai più esperti i giovani autori la offrono subito: sì è scelto di percorrere il Caminho Central, che da Lisbona arriva a Santiago passando per Barcelos. È il più noto e battuto tra i cammini portoghesi, ma i lusitani conoscono e frequentano anche rotte alternative. La Via si snoda per 650 chilometri e, oltre alla splendida Lisbona, permette di toccare città come Coimbra, Porto e (con una deviazione che richiederà tre giorni) il santuario mariano di Fatima.

Il libro di Bezzi e Caprioli, destinato a infilarsi nello zaino del viandante, cerca di non recare troppo disturbo: offre tutto ciò che è indispensabile senza concedersi superflui fronzoli. Agli aspiranti pellegrini gli autori propongono un inquadramento storico-artistico della rotta prescelta (agevolmente percorribile a piedi in 23 giorni), informazioni pratiche sulle tappe, le distanze, i periodi migliori in cui partire, le cose da mettere nello zaino, i costi, gli alloggi e persino indicazioni sintetiche per i più tecnologici circa le tracce Gps.

Una curiosità che forse troveranno simpatica coloro che già hanno familiarità con il Camino de Santiago: il percorso qui proposto non conosce ancora l’organizzata rete di albergues riservati ai pellegrini lungo la più celebre rotta spagnola. Così in molte località i ricoveri sono assicurati dai distaccamenti dei pompieri volontari che trasformano in rifugi le loro caserme e palestre.

La ricchezza del bene – nuova edizione
Safiria Leccese

La ricchezza del bene – nuova edizione

Storie di imprenditori fra anima e business
Incerti legami
Sandro Carotta

Incerti legami

Letture dalla Genesi