Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.

Primi profughi siriani al confine col Libano

Terrasanta.net
29 aprile 2011
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Centinaia di donne e bambini siriani oggi avrebbero cercato riparo in Libano, al posto di frontiera di al-Boqayaa per fuggire agli scontri che stanno avvenendo in territorio siriano. A darne notizia è stato Mahmood Khazaal, ex sindaco della cittadina di confine del Libano settentrionale.


(Milano/c.g.) – Uno dei possibili esiti del lungo periodo di instabilità che sta vivendo la Siria, è il generarsi di ondate di profughi. Fenomeno peraltro inimmaginabile solo poche settimane fa. Colpisce perciò la notizia secondo cui centinaia di donne e bambini siriani oggi avrebbero cercato riparo in Libano, al posto di frontiera di al-Boqayaa per fuggire agli scontri che stanno avvenendo in territorio siriano. A darne notizia è stato Mahmood Khazaal, ex sindaco della cittadina di confine del Libano settentrionale.

Secondo Khazaal circa 1.500 persone hanno lasciato il territorio siriano a piedi. Molte di loro arrivano dalla cittadina di Tall Kalach, subito al di là del confine. Questo primo flusso è dovuto probabilmente alle operazioni militari che da alcuni giorni si stanno svolgendo nell’area prospicente la frontiera libanese, con un consistente dislocamento di truppe. Un certo numero di profughi avrebbe attraversato il confine addirittura tuffandosi nel fiume al-Kabir, che divide i due Paesi, per evitare il blocco imposto dalle autorità siriane.

«Lasciano le loro case e i loro mariti – ha spiegato Khazaal all’agenzia Reuters – e vengono in Libano con i loro figli. È dalle 6.15 di questa mattina che sentiamo sparare in territorio siriano». È difficile dire quale sia il bilancio degli scontri. Secondo testimoni sono state proprio le sparatorie a indurre centinaia di famiglie a fuggire. Stando a quanto riferisce l’ex-sindaco, le forze di sicurezza libanesi avrebbero aiutato i profughi a raggiungere il Libano.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme
Una forma di vita secondo il Vangelo
Francesco Patton

Una forma di vita secondo il Vangelo

Schede di riflessione sulla Regola bollata per la formazione permanente in fraternità
L’ebreo di Nazaret
Frédéric Manns

L’ebreo di Nazaret

Indagine sulle radici del cristianesimo