Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Nozze tardive e pochi figli. Così calano i cristiani in Israele

Terrasanta.net
29 dicembre 2010
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Nozze tardive e pochi figli. Così calano i cristiani in Israele
Una piccola folla di cristiani a Gerusalemme (foto E. Bermejo)

Il calo dei cristiani in Israele? Più colpa della bassa natalità delle famiglie, che non dell’emigrazione. È quanto risulta dal rapporto di fine anno dell’Ufficio nazionale di statistica, che cerca di fotografare la complessa realtà israeliana. Secondo gli esperti di questo centro studi, i cristiani in Israele sarebbero oggi 153 mila, il 2 per cento su una popolazione totale di 7 milioni e 200 mila.


(Milano/g.c.) – Il calo dei cristiani in Israele? Più colpa della bassa natalità delle famiglie, che non dell’emigrazione. È quanto risulta dal rapporto di fine anno dell’Ufficio nazionale di statistica, che cerca di fotografare la complessa realtà israeliana.

Per gli esperti di questo centro studi, i cristiani in Israele sarebbero 153 mila, il 2 per cento su una popolazione totale di 7 milioni e 200 mila. Una cifra che non comprende però gli immigrati, preti, suore e religiosi stranieri residenti in Israele.

Secondo l’Ufficio di statistica, la maggior parte dei cristiani d’Israele è di lingua e cultura araba. Il 20 per cento, circa 28 mila, appartiene a quella fascia di immigrazione proveniente dal blocco dell’ex-Urss e arrivata nel Paese nei primi anni Novanta del secolo scorso. Molti di questi cristiani sono di origine ebraica o hanno legami di parentela con ebrei (condizione che ha permesso loro di usufruire in molti casi della Legge del ritorno e di accedere alla cittadinanza). Contrariamente a quanto sostenuto dalla stampa internazionale, la ragione primaria del calo dei cristiani di Terra Santa non è dovuta solo a ragioni politiche ed economiche, quanto piuttosto a ragioni demografiche: le coppie cristiane di sposano relativamente tardi (attorno ai trent’anni) e le donne fanno meno figli (2,2 di media). Molto più alta la natalità delle donne musulmane: 3,7 figli. Le donne ebree mettono al mondo in media 3 figli a testa.

Interessante anche la statistica dei maggiori centri cristiani: Nazaret con 23 mila cristiani guida la classifica; seguono Haifa con 13.700, Gerusalemme con 11.500 e Shefaram, in Galilea, con 9.200.

Seguire Gesù
Matteo Crimella

Seguire Gesù

Sette meditazioni sul Vangelo di Luca
Semi di fraternità
Massimo Fusarelli

Semi di fraternità

Con Francesco nelle sfide del nostro tempo
In Terra Santa – nuova ed. brossura
Gianfranco Ravasi

In Terra Santa – nuova ed. brossura

Un pellegrinaggio spirituale