Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Natale, la lunga festa di Betlemme

Terrasanta.net
27 dicembre 2010
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Natale, la lunga festa di Betlemme
Betlemme, 24 dicembre 2010. Le vie del centro parate a festa e gli scout schierati in attesa del patriarca latino. (foto Cts/Mab)

La solennità liturgica di Natale a Betlemme sì è aperta nel pomeriggio di venerdì 24 con l’ingresso ufficiale in città del patriarca latino di Gerusalemme. Ma nell'agglomerato palestinese sarà Natale fino al prossimo 19 gennaio, giorno in cui la nascita di Gesù Cristo viene celebrata dai cristiani ortodossi di rito armeno.


(Milano/g.s.) – La solennità liturgica di Natale a Betlemme sì è aperta nel pomeriggio di venerdì 24 con l’ingresso ufficiale in città del patriarca latino di Gerusalemme e la celebrazione dei primi vespri nella chiesa francescana di Santa Caterina, adiacente alla basilica della Natività.

Decine di migliaia di pellegrini da tutto il mondo hanno partecipato ai vari riti della festa. Molti altri ancora ne verranno nei prossimi giorni e settimane. A Betlemme, infatti, sarà Natale fino al 19 gennaio 2011, giorno in cui la nascita di Gesù Cristo viene celebrata dai cristiani ortodossi di rito armeno.

Dal punto di vista del cerimoniale della basilica, le giornate più intense saranno il 5 e 6 gennaio. Poco prima di mezzogiorno di mercoledì 5 il Custode di Terra Santa farà solenne ingresso sulla piazza della Mangiatoia per poi celebrare, nella chiesa di Santa Caterina, la festa dell’Epifania. La mattina dopo saranno invece accolti con tutti gli onori i patriarchi ortodossi greco, siro e copto, che presiederanno in basilica i riti del Natale secondo le proprie liturgie.

Gli armeni ortodossi, come dicevamo, chiudono solennemente il ciclo mercoledì 19, con i riti presieduti dal loro patriarca, che farà ingresso in città il giorno prima.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Mille e un Marocco
Letizia Gardin

Mille e un Marocco

Mangia Viaggia Ama nel Paese più colorato del mondo
Il cantico della felicità
Khalil Gibran

Il cantico della felicità

Caleidoscopio sulla pace del cuore
Chiamati a libertà
Silvano Fausti

Chiamati a libertà

L'ultima parola di un profeta del nostro tempo
Guida letteraria del mondo

Guida letteraria del mondo

Pagine di viaggio dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine