Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Un viaggio nei media arabi

Daniele Civettini
18 novembre 2010
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Un viaggio nei media arabi

Da diversi anni si assiste a un miglioramento qualitativo e tecnologico dei media arabi e mediorientali. Questo volume svolge un percorso analitico tra le luci e le ombre di questi media, anche per mezzo di interviste ad alcuni protagonisti del mondo dell’informazione d’oltremare.


Rispetto all’inveterata situazione di degrado e di sottosviluppo (economico, sociale, persino ambientale) in cui versa l’area del Mediterraneo – tanto nella sponda meridionale del Mare Nostrum, quanto della Riva Nord rispetto al resto del continente europeo – si avverte da diversi anni un miglioramento qualitativo e tecnologico dei media arabi e mediorientali nei tre settori principali (carta stampata, internet, televisioni). Media che ormai, in molti casi, non hanno nulla da invidiare ai corrispettivi «occidentali».

Il presente libro svolge un percorso analitico piuttosto profondo e sistematico tra le luci e le ombre di questi media, condotto anche per mezzo di interviste ad alcuni dei protagonisti del mondo dell’informazione d’oltremare, offrendo la possibilità di capire quale percezione il mondo arabo possa avere di sé e dell’alterità. Il contributo nasce come impulso ad una conoscenza reciproca (lo testimonia, tra l’altro, la presenza di sintesi in arabo e inglese al termine di ogni saggio), sentita dagli autori come base per una futura collaborazione per la (ri)valorizzazione delle risorse, in primo luogo culturali, che l’area Mediterranea possiede in grande quantità.

Mindfulness per mamme
Riga Forbes

Mindfulness per mamme

Pensieri per una maternità senza ansie
Che cosa sogni, Macchia?
Isabella Salmoirago

Che cosa sogni, Macchia?

La vita consacrata
Najib Ibrahim

La vita consacrata

Riflessioni bibliche sulla sequela di Gesù Cristo
Il sole anche di notte
Dominique Blain

Il sole anche di notte

La spiritualità della fiducia in Teresa di Lisieux e Francesco d'Assisi