Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Ambasciatore di Israele: L’identità ebraica tocca religione e nazionalità

Manuela Borraccino
11 ottobre 2010
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Interpellato da Terrasanta.net, l'ambasciatore israeliano presso la Santa Sede, Mordechay Lewy, interviene dopo le critiche giunte da diversi presuli riuniti nel Sinodo per il Medio Oriente, circa l'approvazione ieri da parte del governo israeliano del disegno di legge sul giuramento di fedeltà allo Stato ebraico.


(Roma) – «Essere ebreo non è solo una questione di religione ma anche di identità nazionale: è qualcosa di molto complesso, difficile da capire dall’esterno, ma in realtà occorre tenere presente che in Israele c’è questo dualismo. L’identità ebraica può essere declinata in vari modi: religione e nazionalità insieme, oppure solo religione o solo nazionalità». È quanto afferma l’ambasciatore israeliano presso la Santa Sede Mordechay Lewy, dopo le critiche giunte da diversi presuli riuniti nel Sinodo per il Medio Oriente, circa l’approvazione ieri da parte del governo israeliano del disegno di legge sul giuramento di fedeltà allo Stato ebraico.

Interpellato da Terrasanta.net, il diplomatico non entra nel merito del disegno di legge, ma fa presente che la norma in discussione, che sta già suscitando aspre polemiche in Israele, in realtà «riguarda solo la naturalizzazione di cittadini che chiedono la nazionalità israeliana, di certo non coloro che sono nati in Israele». In ogni caso è un provvedimento che riguarderebbe «pochissimi immigrati».

Stamane nel corso della conferenza stampa in Vaticano il patriarca di Alessandria dei Copti, mons. Antonius Naguib, aveva definito «una flagrante contraddizione» il fatto che Israele si definisse «l’unico Stato democratico del Medio Oriente» e poi approvasse «una legge che pone certe condizioni per la cittadinanza contrarie ad un Paese democratico». «Non sono al corrente di questa notizia, ma mi sembra molto contraddittoria».

Il vescovo libanese di Jbeil dei Maroniti mons. Bechara Rai, dal canto suo, aveva aggiunto che i cristiani sono contrari a «qualsiasi Stato che ancori il diritto alla religione, o che renda le Scritture fonte del diritto, sia che si tratti di uno stato ebraico sia che si tratti di uno stato musulmano» ha rimarcato. I cristiani, ha ribadito, tornano a chiedere in occasione del Sinodo l’affermazione di una «laicità positiva» come quella esistente in Libano, e soprattutto la separazione fra fede e Stato, come non è garantito purtroppo in altri Paesi.

In svariati Paesi musulmani, ha detto ancora mons. Rai, «la libertà di religione c’è solo se ci si converte dal cristianesimo all’islam, certo non il contrario: si rischia la pena di morte».

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Uomo come gli altri
Antonio Torresin

Uomo come gli altri

Riflessioni sulla laicità di Gesù
I segreti della Natura
Manuela Mariani

I segreti della Natura

Storie in rima di piante e animali
Guida letteraria del vino
Anna Maria Foli

Guida letteraria del vino

Pagine inebrianti dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
Collectanea 54 (2021)

Collectanea 54 (2021)

Studia-documenta