Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Profughi iracheni in Siria. Cresce l’abbandono scolastico

Gioia Reffo
15 settembre 2010
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Profughi iracheni in Siria. Cresce l’abbandono scolastico

Scegliere tra scuola e lavoro. È questa l’alternativa davanti a cui si trovano i figli dei rifugiati iracheni in Siria. Per tanti di loro è sempre più difficile contribuire al bilancio familiare restando al passo con le lezioni. Così, ogni anno, aumentano coloro che abbandonano lo studio per dedicarsi a un’occupazione, spesso sottopagata.


(Milano) – Scegliere tra scuola e lavoro. È questa l’alternativa davanti a cui si trovano i figli dei rifugiati iracheni in Siria. Per tanti di loro è sempre più difficile contribuire al bilancio familiare restando al passo con le lezioni. Così, ogni anno, cresce il numero di quanti abbandonano lo studio per dedicarsi a un’occupazione, spesso sottopagata. Una scelta che incide sul futuro di un’intera generazione, già traumatizzata dalla guerra e sradicata dalla propria terra d’origine.

Secondo l’Unicef negli ultimi tre anni il numero dei figli di rifugiati iracheni che ha abbandonato la scuola è cresciuto in modo regolare. Basti pensare che nell’anno scolastico 2007-2008 erano iscritti in 49.132 mentre solo nel 2008-2009 si è scesi a 32.425 unità. E quest’anno si diminuirà ancora: 30 per cento in meno di iscritti, sostiene l’associazione internazionale rifugiati. Secondo gli operatori del settore sono più i maschi ad abbandonare i banchi di scuola, come dimostra la storia di Hussein Ali, 16 anni, addetto alle pulizie di un albergo. «Siamo grati al contributo in denaro fornitoci dall’Acnur, ma non è abbastanza», dice il padre del ragazzo, impossibilitato a lavorare a causa di un grave handicap.

«L’educazione è centrale per il futuro di tutti i bambini. Avere una generazione che non è in grado di partecipare alla vita economica del proprio Paese non serve a nessuno» spiega Sherazade Boualia, responsabile dell’Unicef in Siria. Il Paese ospita circa un milione e 200 mila iracheni scappati fin dal 2003 dalle violenze della guerra. Pur avendo accesso al sistema scolastico siriano, molti sono costretti a rinunciarvi. A Damasco, dove vive la maggior parte dei rifugiati, le scuole sono al limite. C’è poi chi abita troppo lontano e chi non può permettersi nemmeno il contributo simbolico richiesto dalle autorità. La situazione economica in cui versano i rifugiati è sempre più critica visto che sia le rimesse sia i risparmi si stanno prosciugando. Secondo l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’infanzia i più giovani lavorano per dare un contributo extra in casa. Per legge infatti i rifugiati hanno bisogno di un’autorizzazione speciale per trovare un’occupazione e al fiorente mercato del lavoro nero un adulto non guadagna più di 2 dollari al giorno. Alle difficoltà economiche si legano quelle psicologiche dovute a traumi o a problemi di adattamento.

Per frenare l’abbandono scolastico l’Unicef ha stanziato 6 milioni di dollari. Il progetto prevede la costruzione di strutture per le scuole dove è più alto il numero dei rifugiati, classi di recupero per chi è rimasto indietro e corsi serali per chi lavora. Agli insegnanti poi verrà data una formazione particolare sui bisogni psicologici e sociali dei ragazzi in modo da aiutarli ad affrontare i problemi all’interno della famiglia.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme