Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Il Bambinello da Betlemme a San Giovanni Rotondo

28/01/2010  |  Milano
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Il Bambinello da Betlemme a San Giovanni Rotondo

Arriva oggi, 28 gennaio, al santuario Santa Maria delle Grazie di San Giovanni Rotondo la statua originale del Bambino Gesù conservata dai francescani presso la basilica della Natività, a Betlemme. La particolarità dell'evento è data anche dal fatto che è la prima volta che la statua esce dalla Terra Santa da quando, nel 1921, venne portata nella città natale di Gesù da Olot (Spagna), dove era stata realizzata. L'idea è nata lo scorso mese di ottobre, durante un pellegrinaggio in Terra Santa, guidato da padre Francesco Dileo, rettore del santuario di San Giovanni Rotondo, memore della profonda devozione di san Pio da Pietrelcina al «Divino Infante».


(c.g.) – Arriva oggi, 28 gennaio, al santuario Santa Maria delle Grazie di San Giovanni Rotondo (Foggia) la statua originale del Bambino Gesù conservata dai francescani presso la basilica della Natività, a Betlemme. La particolarità dell’evento è data anche dal fatto che è la prima volta che la statua esce dalla Terra Santa da quando, nel 1921, venne portata nella città natale di Gesù da Olot (Spagna), dove era stata realizzata. L’idea di questa iniziativa è nata lo scorso mese di ottobre, durante un pellegrinaggio in Terra Santa, guidato da padre Francesco Dileo, rettore del santuario di San Giovanni Rotondo, memore della profonda devozione di san Pio da Pietrelcina verso quello che chiamava il «Divino Infante», ripagata da almeno tre visioni (le uniche documentate da testimoni oculari), al santo. La richiesta di padre Dileo ha trovato l’assenso del Custode, fra Pierbattista Pizzaballa, e ne è nato questo «pellegrinaggio» verso San Giovanni Rotondo della famosa statua.

Il Bambinello arriva nel pomeriggio in elicottero presso il campo sportivo del paese, accolto dalle personalità civili e dalla fraternità cappuccina. Subito dopo, nella chiesa madre di San Leonardo Abate si svolge invece l’accoglienza delle comunità parrocchiali e dei fedeli. Poi la statua viene portata in processione con una fiaccolata fino al santuario Santa Maria delle Grazie, dove padre Jerzy Kraj, guardiano del convento francescano di Santa Caterina a Betlemme, presiede la celebrazione eucaristica.

Nei giorni successivi, fino al 6 febbraio, le comunità di San Giovanni Rotondo si recheranno in pellegrinaggio al santuario. Il programma (pubblicato integralmente sul sito web del santuario di padre Pio) prevede solo due uscite del Bambinello dal Santuario: la sera del 31 gennaio al monastero delle suore clarisse cappuccine che vivono in clausura; e la sera del 3 febbraio alla Casa Sollievo della sofferenza, il grande ospedale voluto e realizzato da padre Pio. La mattina del 4 febbraio, prima di rientrare a Santa Maria delle Grazie, la statua sarà portata del reparto di oncologia pediatrica, dislocato nel complesso del poliambulatorio Giovanni Paolo II.

Il 6 febbraio, al termine della celebrazione eucaristica, la statua riprenderà la strada per la Terra Santa.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
Il volo di Nura
Paola Caridi

Il volo di Nura

Paramenti sacri
Maria Pia Pettinau Vescina

Paramenti sacri

Dall’Europa alla Terra Santa