Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Va in scena l’intifada

Simone Esposito
22 ottobre 2009
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Va in scena l’<i>intifada</i>
(clicca sulla foto per lanciare il video)

Fratelli, prima di ogni cosa. Doppiamente legati dal sangue: quello, comune, che scorre delle loro vene, e quello, comune anch'esso, che scorre nel loro villaggio infiammato dall'intifada. È la storia di Da'ud, Na'im e Halled, i tre personaggi di Masked - Legami di sangue, il testo teatrale dell'israeliano Ilan Hatsor in scena in questi giorni a Roma per la regia di Maddalena Fallucchi. I protagonisti di questo atto unico molto serrato sono tre fratelli palestinesi che vivono nei Territori occupati nel pieno della prima intifada.


Fratelli, prima di ogni cosa. Doppiamente legati dal sangue: quello, comune, che scorre delle loro vene, e quello, comune anch’esso, che scorre nel loro villaggio infiammato dall’intifada. È la storia di Da’ud, Na’im e Halled, i tre personaggi di Masked – Legami di sangue, il testo teatrale dell’israeliano Ilan Hatsor portato in scena in questi giorni a Roma dalla compagnia Il Carro dell’Orsa per la regia di Maddalena Fallucchi.

I protagonisti di questo atto unico molto serrato sono tre fratelli palestinesi che vivono nei Territori occupati nel pieno della prima intifada. Finiscono per ritrovarsi tutti e tre nello spazio ristretto della macelleria dove lavora il più piccolo, Halled (Michele Degirolamo), ma non potrebbero essere più distanti tra di loro: su Da’ud (Massimiliano Mecca), il maggiore, lavapiatti a Tel Aviv, pende l’accusa di essere una spia al soldo dell’esercito israeliano, mentre Na’im (Fabio Pappacena) è un terrorista, combattente delle Tigri della rivoluzione. In mezzo Halled, dilaniato da una situazione di cui non vede via d’uscita, e che non riesce a far tacere il suo sentimento di fratellanza per entrambi.

Masked descrive il conflitto arabo-israeliano per quello che è: l’archetipo della tragedia, dove amore e odio, entrambi furenti, si scontrano in una lotta in cui la storiella dei buoni contro i cattivi non regge, da nessuna delle due parti. Non c’è più una terra contesa, ma una macelleria sanguinolenta. Non ci sono eroi, ma solo uomini, anzi, fratelli, coraggiosi e vigliacchi insieme, spaccati tra l’istinto di sopravvivenza e quello di ribellione, incapaci di trovare una soluzione per via della fatica di riconoscersi in pieno per quello che sono: fratelli, appunto. E non c’è più spazio né tempo: il testo, scritto nel 1990, mantiene una indiscutibile attualità anche vent’anni dopo, e se si cambiassero nomi e toponimi la narrazione non perderebbe un grammo della sua credibilità. «Il testo è scritto come una tragedia greca – spiega la regista Fallucchi, che ha curato la traduzione in italiano e ha portato in scena lo spettacolo per la prima volta in Italia lo scorso anno – ed è scandito come una tragedia, rispettando le unità aristoteliche di tempo, luogo ed azione. Qui non viene dato nessun giudizio morale, ma viene trasmessa empatia enorme da entrambi i fronti». E la reazione dello spettatore, schiacciato tra questi due fronti, è rappresentata in maniera significativa dai gesti e dai toni di Halled, che trema dall’inizio alla fine, urla, strepita e tace, incapace di farsi una ragione di tanto orrore.

Vincitore del primo premio all’Israel Fringe Theater Festival ad Akko, rappresentato al teatro Arabo-Ebraico di Jaffa, a Tel Aviv e poi a New York, Masked ha debuttato lo scorso anno in prima nazionale al Teatro dell’Orologio di Roma. Dopo un’accoglienza molto positiva di critica e pubblico e la candidatura del ventitreenne Digirolamo al premio ETI Gli Olimpici del Teatro nella categoria «attore emergente», lo spettacolo è tornato in scena a Roma, al Teatro Due, dove rimarrà in cartellone fino a domenica 25 ottobre. La compagnia sarà a Milano, al Teatro Franco Parenti, dal 23 novembre al 3 dicembre.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Holy Land. Archaeology on Either Side

Holy Land. Archaeology on Either Side

Archaeological Essays in Honour of Eugenio Alliata ofm
Almanacco filosofico

Almanacco filosofico

Pagine per un anno dai più grandi pensatori d'ogni tempo e latitudine
I cuccioli dell’ISIS
Stefano Luca

I cuccioli dell’ISIS

L'ultima degenerazione dei bambini soldato
Charles de Foucauld
Silvano Zoccarato

Charles de Foucauld

Il mio santo in cammino