Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Gerusalemme blindata lungo i tragitti papali

12/05/2009  |  Gerusalemme
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Chi si trova a Gerusalemme e non fa parte del seguito papale è testimone dell'altissimo livello di sicurezza che circonda il Pontefice. Le vie che il convoglio papale deve percorrere vengono completamente sigillate e chiuse al traffico e la persona del Santo Padre anche questa mattina, nel piazzale antistante il Muro occidentale, è parsa protetta da uno schieramento concentrico di guardie del corpo e poliziotti armati anche di mitragliatori. Rigidissimi pure i controlli sui fedeli che nel pomeriggio parteciperanno alla Messa papale tra gli valle nella Valle di Josafat.


Chi si trova a Gerusalemme e non fa parte del seguito papale è testimone dell’altissimo livello di sicurezza che circonda il Pontefice. Le vie che il convoglio papale deve percorrere vengono completamente sigillate e chiuse al traffico e la persona del Santo Padre anche questa mattina, nel piazzale antistante il Muro occidentale, è parsa protetta da uno schieramento concentrico di guardie del corpo e poliziotti armati anche di mitragliatori.

Già da metà mattinata i pellegrini venuti dall’estero per seguire il pellegrinaggio papale (numerosi i polacchi, ma anche argentini, cechi, indiani, portoghesi, spagnoli…) hanno cominciato a confluire nella Valle di Josafat, tra le mura della città vecchia e il Monte degli Ulivi, dove a metà pomeriggio il Papa celebrerà la Messa. Tutte le porte delle antiche mura sono state chiuse. Dalla porta di Santo Stefano si accede all’area predisposta per la liturgia papale solo se in possesso di regolare biglietto e sottoponendosi a cinque controlli successivi, che includono anche varchi con metal detector. Elicotteri sono costantemente in volo e gli apparati di sicurezza sorvegliano tutta la valle con binocoli da vari punti di osservazione.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Sorella anima
David-Marc d’Hamonville

Sorella anima

Alla scoperta di una interiorità possibile
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe