Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.

A Gerusalemme con amore

06/04/2009  |  Milano
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
A Gerusalemme con amore

Il libro Gerusalemme città della speranza fornisce ai lettori indicazioni storiche e topografiche sulla città santa, ma non si ferma qui. L'Autore attinge alla tradizione biblica, a fonti ebraiche, cristiane e islamiche, al vasto patrimonio delle scoperte archeologiche ma anche a importanti testimonianze storiche, come quelle di Giuseppe Flavio, senza peraltro trascurare i racconti dei grandi pellegrini dell'antichità. Corredato di sedici pagine di foto a colori, il testo non dimentica i conflitti di Gerusalemme.


Che cosa non è stato ancora detto e scritto su Gerusalemme? Si sottraggono all’occhio del grande pubblico quelle pagine, intime e personali, che ogni pellegrino scrive quando ne varca le millenarie soglie; oppure quelle di chi celebra la memoria della passione morte e risurrezione di Gesù e, inevitabilmente, guarda alla Città santa che ne è stato teatro storico. Gerusalemme città della speranza potrebbe essere considerato un prezioso strumento per l’uno e per l’altro. Al pellegrino fornisce indicazioni storiche e topografiche: interessante, ad esempio, la carrellata di nomi che la città santa ha assunto lungo i millenni: Sion, Ariel, gli appellativi biblici ma anche i cataloghi di nomi riportati dai testi rabbinici. E ancora, la descrizione e la vicenda delle attuali otto porte della Città, testimoni del misterioso sovrapporsi di significati religiosi.

L’Autore attinge alla tradizione biblica, a fonti ebraiche, cristiane e islamiche, al vasto patrimonio delle scoperte archeologiche ma anche a importanti testimonianze storiche, come quelle di Giuseppe Flavio, senza peraltro trascurare i racconti dei grandi pellegrini dell’antichità: basti pensare a Egeria, che del suo pellegrinaggio in Terra santa, compiuto alla fine del IV secolo, ci ha lasciato in eredità un prezioso diario denso di particolari sui luoghi santi e sulle liturgie che in essi si svolgevano. Ma c’è posto anche per pellegrini moderni come Paolo VI, primo papa a visitare la terra di Gesù «da quando l’apostolo Pietro aveva lasciato la Palestina per andare ad Antiochia e quindi a Roma», e il suo successore Giovanni Paolo II, il cui pellegrinaggio sembrò presagire un tempo di riconciliazione quando invece si stava preparando il drammatico scoppio della seconda intifada.

A chi pellegrino non è, il libro fa scoprire il volto «evangelico» di Gerusalemme, in quanto luogo privilegiato della vita e della predicazione di Gesù e della prima comunità cristiana (Gerusalemme è menzionata ben 139 volte nel Nuovo Testamento, di cui 66 nei vangeli). In tale prospettiva, questo volume può essere pensato come un’accurata guida per i giorni del Triduo pasquale. Ha i tratti di una guida geografica e storica nel seguire i passi percorsi da Gesù ma anche nel descrivere i drammatici dettagli della crocifissione, secondo le modalità tipiche dei romani, e alcuni particolari del racconto evangelico, come quello delle «gocce di sangue» comparse sul corpo di Gesù durante l’agonia al Getsemani. Ma si rivela soprattutto una guida biblica e teologica, tesa a sostenere la lettura spirituale di quegli eventi alla luce della fede. In questo senso, un breve capitolo è dedicato alla discesa di Gesù agli inferi, menzionata solo una volta nel Nuovo Testamento.

Segnaliamo al pellegrino e all’orante che potranno finalmente comprendere la ragione per cui le chiavi della basilica del Santo Sepolcro sono affidate a una famiglia musulmana e seguire con curiosità il complesso rituale dell’apertura e chiusura della grande porta in legno.

L’Autore è un francescano polacco, residente da molti anni a Gerusalemme, dove insegna teologia dogmatica. E alla presenza francescana in Terra Santa dedica alcune pagine, tra storia e attualità. Il volume, corredato di sedici pagine di foto a colori, non dimentica i conflitti di Gerusalemme: nella Prefazione padre Pierbattista Pizzaballa, Custode di Terra Santa, fa riferimento alla città in quanto «laboratorio di dialogo e di pace», per cui auspica uno «sguardo realista e disincantato sulla realtà» ma anche – come recita il titolo dell’opera – uno sguardo di speranza che resiste al dramma della storia.

(Il volume può anche essere acquistato con carta di credito sul sito di commercio elettronico delle Edizioni Terra Santa)

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai al sito dell'Ufficio pellegrinaggi
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Il libro delle risposte della fede
MichaelDavide Semeraro

Il libro delle risposte della fede

Domande scomode a Dio e alla Chiesa
Il Santo e il Sultano

Il Santo e il Sultano

Damietta, l’attualità di un incontro