Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Un cartone animato israeliano contro il blocco di Gaza

05/03/2009  |  Gerusalemme
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Un cartone animato israeliano contro il blocco di Gaza
Un frammento del disegno animato israeliano Closed Zone.

In Israele, il dibattito sulla Striscia di Gaza raggiunge il mondo dell'animazione cinematografica. L'edizione on-line del quotidiano Jerusalem Post ha pubblicato ieri un breve corto cinematografico dal titolo Closed Zone («Zona chiusa»), realizzato da Yoni Goldman, direttore dell'animazione di Walzer con Bashir, il film dell'israeliano Ari Folman, vincitore del Golden Globe e del Cezar francese nel 2009. Closed Zone racconta in 90 secondi la vita di un bambino della Striscia di Gaza ed è stato commissionato a Goldman da una ong israeliana che difende il diritto di movimento della popolazione palestinese.


(c.g.) – In Israele, il dibattito sulla Striscia di Gaza raggiunge il mondo dell’animazione cinematografica. L’edizione on-line del quotidiano Jerusalem Post ha pubblicato ieri un breve corto cinematografico dal titolo Closed Zone («Zona chiusa»), realizzato da Yoni Goldman, direttore dell’animazione di Walzer con Bashir, il film dell’israeliano Ari Folman, vincitore del Golden Globe e del Cezar francese nel 2009 e che racconta l’episodio della strage del 1982 nei campi profughi libanesi di Sabra e Chatila.

Closed Zone (clicca qui per guardarlo) racconta in 90 secondi, senza parole, la vita di un bambino della Striscia di Gaza: nel film di animazione di Goldman, grandi mani israeliane ed egiziane impediscono in ogni modo al bambino di uscire dalla Striscia. Da Gaza il bambino vede sparare i razzi Qassam contro Israele; come risposta Israele lancia missili contro Gaza e il piccolo protagonista non sa dove trovare rifugio.

Il Jerusalem Post riporta il parere Yariv Ben-Eliezer, esperto di media e comunicazione dell’istituto accademico israeliano Idc Herzliya: «Si tratta di un lavoro brutto, disgustoso… e sarà sicuramente utilizzato come uno strumento contro Israele – ha osservato Ben-Eliezer -. Bisognava essere ugualmente sensibili nei confronti dei bambini israeliani che sono bombardati ogni giorno da Hamas. Goldman dovrebbe ricevere un premio da Ahmadinejad (il presidente iraniano – ndr) per questo lavoro».

Il cortometraggio è stato commissionato a Goldman da Gisha, (che in ebraico significa «accesso»), un’organizzazione non governativa israeliana che si occupa di difendere il diritto di movimento della popolazione palestinese, in particolare della popolazione di Gaza. L’idea dell’ong è di utilizzare il video sia come occasione di dibattito sulla questione di Gaza, sia come strumento educativo. «Sono decisamente contrario al blocco israeliano della Striscia di Gaza e l’ultima guerra è stata semplicemente un errore – ha commentato Goldman -. L’antisemitismo è in crescita e Israele è percepito in tutto il mondo come un aggressore, e alla fine dei conti, non abbiamo ottenuto nulla».

Il profeta e la balena
David-Marc d’Hamonville

Il profeta e la balena

Rileggere il libro di Giona
Tutt’intorno è Francia
Carlo Grande

Tutt’intorno è Francia

Grand tour sentimentale dalle brume di Calais alla luce di Marsiglia
Calendario di Terra Santa 2023 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2023 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico
Corso di greco biblico
Elisa Chiorrini

Corso di greco biblico

Fonetica, morfologia e note di sintassi