Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Presso il tempio centrale ebraico di Milano, in via Guastalla 19 alle 9.30.

Visita guidata alla sinagoga

04/05/2008  |  Milano
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Nell'ambito dei percorsi di conoscenza delle esperienze religiose legate al Medio Oriente il Centro di Terra Santa di Milano propone una visita guidata alla sinagoga di via Guastalla, tempio centrale della comunità ebraica milanese, a cura di Elena Lea Bartolini, docente di giudaismo presso il Centro studi del vicino Oriente - Milano.


Nell’ambito dei percorsi di conoscenza delle esperienze religiose legate al Medio Oriente il Centro di Terra Santa di Milano propone, domenica 4 maggio prossimo, una visita guidata alla sinagoga di via Guastalla, tempio centrale della comunità ebraica di Milano.

Programma:
ore 9.30 – ritrovo davanti all’ingresso della sinagoga in via Guastalla 19, Milano;
ore 9.45 – controllo con la sicurezza e inizio della visita guidata con Elena Lea Bartolini e Daniela di Veroli.

Per gli uomini è necessario un copricapo (si può utilizzare quello che offre in prestito la sinagoga).

La quota di partecipazione (ingresso e visita guidata) è di 5,00 euro a testa che verranno ritirati la mattina stessa della visita.

È indispensabile che le adesioni pervengano entro il 24 aprile in modo da poter comunicare per tempo l’elenco dei partecipanti alla sicurezza della sinagoga.

Per iscriversi contattare:
Edizioni Terra Santa
Barbara Zonato
tel. 02.34.59.26.79
e-mail: zonato@terrasanta.net

Benediciamo il Signore

Benediciamo il Signore

Preghiere per la mensa
La cucina come una volta
Anna Maria Foli

La cucina come una volta

Storie, segreti e antiche ricette da monasteri e conventi
La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

Verso nuovi modelli per la scuola delle competenze
Un nome e un futuro
Firas Lutfi

Un nome e un futuro

La risposta francescana al dramma siriano dei "bambini senza identità"