Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Israele. Generali in congedo contro i check point

18/02/2008  |  Milano
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Israele. Generali in congedo contro i<i> check point</i>
Uomini palestinesi bloccati a un posto di controllo dell'esercito israeliano.

I check-point e i blocchi stradali in Cisgiordania indeboliscono il processo di pace. Lo sostengono 12 generali in congedo dell'esercito israeliano, in una lettera indirizzata mercoledì 13 febbraio, a Ehud Barak, ministro della Difesa di Israele.  «L'umiliazione e l'odio che i blocchi stradali producono spingono i palestinesi ad appoggiare i gruppi militari e unirsi ad Hamas», afferma Shlomo Brom, uno dei firmatari della lettera.


(c.g.) – I check-point e i blocchi stradali in Cisgiordania indeboliscono il processo di pace. Lo sostengono 12 generali in congedo dell’esercito israeliano, in una lettera indirizzata mercoledì  13 febbraio, a Ehud Barak, ministro della Difesa di Israele.

«L’umiliazione e l’odio che i blocchi stradali producono spingono i palestinesi ad appoggiare i gruppi militari e unirsi ad Hamas», afferma Shlomo Brom, uno dei firmatari della lettera, generale in congedo con una carriera nell’aeronautica e, negli anni Novanta, protagonista nei negoziati di pace con Siria, Giordania e Palestina. Come alternativa Brom indica truppe mobili che possano allestire check point temporanei, sulla scorta di informazioni precise su eventuali attività armate. «Gli attuali blocchi stradali non sono comunque abbastanza efficaci – ha commentato amaramente Brom -: non hanno evitato, ad esempio, all’inizio di febbraio a due terroristi di spostarsi dalla città di Hebron, per farsi esplodere a Dimona, provocando la morte di una donna e undici feriti».

«Siamo convinti che le alternative che proponiamo siano meglio dei check point che limitano i movimenti dei palestinesi», spiega Ilan Paz, uno dei generali firmatari, ex-responsabile dell’amministrazione militare dei territori occupati. «Bisogna capire che è dannoso mantenere i palestinesi di là dal muro, senza una prospettiva di speranza per la loro economia, impossibilitati a spostarsi da un luogo all’altro. Questo crea una situazione tale da favorire il terrore. Dobbiamo ricordarcelo».

La rimozione dei check point è una delle questioni aperte dei negoziati in corso tra israeliani e palestinesi, che secondo i recenti accordi di Annapolis, dovrebbero portare ad una pace definitiva entro il 2008. «Togliere i blocchi stradali potrebbe dare forza anche al presidente dell’autorità Palestinese, Mahmoud Abbas, nell’affrontare il movimento di Hamas».

I blocchi stradali comparvero per la prima volta negli anni Ottanta, al tempo della prima intifada. Oggi secondo un rapporto delle Nazioni Unite, hanno superato quota 550.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Mille e un Marocco
Letizia Gardin

Mille e un Marocco

Mangia Viaggia Ama nel Paese più colorato del mondo
Il cantico della felicità
Khalil Gibran

Il cantico della felicità

Caleidoscopio sulla pace del cuore
Chiamati a libertà
Silvano Fausti

Chiamati a libertà

L'ultima parola di un profeta del nostro tempo
Guida letteraria del mondo

Guida letteraria del mondo

Pagine di viaggio dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine