Terrasanta.net | Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Una settimana per la pace in Terra Santa

01/06/2007  |  Ginevra
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Una settimana per la pace in Terra Santa
Alcuni degli ecclesiastici presenti alla preghiera ecumenica di domenica 3 giugno presso la basilica di Santo Stefano a Gerusalemme. (foto Wcc)

Il Consiglio ecumenico delle Chiese (Cec) invita i cristiani di tutto il mondo a pregare e mobilitarsi, tra il 3 e 9 giugno, per la pace in Israele e Palestina. L'iniziativa viene proposta nel quarantesimo anniversario della Guerra dei sei giorni che ebbe tra gli altri esiti anche l'occupazione israeliana dei Territori palestinesi.Varie organizzazioni cristiane in tutto il mondo aderiscono alla proposta del Cec con veglie di preghiera, marce e campagne di sensibilizzazione delle opinioni pubbliche e dei governi nazionali. Da Gerusalemme un messaggio dei capi delle comunità cristiane, che chiedono solidarietà e giustizia.


(g.s.) – Ai primi di giugno di quarant’anni fa la Terra Santa era teatro della Guerra dei sei giorni tra lo Stato di Israele e le nazione arabi confinanti.

Gli esiti di quel conflitto hanno prodotto effetti (come l’occupazione israeliana dei Territori palestinesi) decisivi per la storia mediorientale – e non solo – degli ultimi decenni.

In un momento, come quello che stiamo vivendo, in cui le prospettive di pace sembrano in grave crisi, il Consiglio ecumenico delle Chiese (organo di coordinamento e comunione tra le Chiese ortodosse e protestanti a livello mondiale) promuove una settimana di preghiera e sensibilizzazione che si articolerà in molteplici iniziative distribuite in varie parti del Globo nella settimana dal 3 al 9 giugno.

La Settimana va sotto il nome di «Azione ecclesiale internazionale per la pace in Palestina e Israele, 3-9 giugno 2007» (International Church Action for Peace in Palestine and Israel, 3-9 June 2007).

«Lo scopo della Settimana – spiegano i promotori – è di accrescere la consapevolezza nelle Chiese e nella società civile e convincere i governi del bisogno di nuovi sforzi per porre fine al conflitto e negoziare un accordo. Il messaggio fondamentale è: "Ponete fine a 40 anni di occupazione illegale. Negoziate una pace giusta subito"».

Idealmente la Settimana si apre con una celebrazione ecumenica di preghiera che ha luogo a Gerusalemme domenica 3 giugno presso la basilica di Santo Stefano. Ma le iniziative si moltiplicheranno in tutto il mondo a cura delle più varie organizzazioni ecclesiali (per parte cattolica aderisce, ad esempio, Pax Christi).

I patriarchi e capi delle comunità cristiane di Gerusalemme hanno reso pubblica la loro adesione all’iniziativa con un messaggio diffuso la domenica di Pentecoste (27 maggio).

Nel testo i firmatari fanno riferimento ai quarant’anni di occupazione israeliana della terra palestinese e scrivono: «È del tutto inaccettabile che continui una situazione in cui i palestinesi devono far fronte a quotidiane sofferenze e umiliazioni nella negazione dei diritti umani riconosciuti internazionalmente, con l’intento dichiarato di garantire sicurezza e protezione agli israeliani. Noi siamo convinti, invece, che la sicurezza di Israele dipenda dalla libertà e dalla giustizia per i palestinesi».

«Abbiamo già reso nota – continua il documento – la nostra meditata opinione sul futuro di Gerusalemme nel riconoscimento dei diritti delle tre fedi ebraica, cristiana e islamica e dei bisogni dei due popoli. Ora riteniamo che sia tempo di intensificare l’azione, soprattutto tramite negoziati, per metter fine all’occupazione, stabilire uno Stato palestinese indipendente, in conformità con le risoluzioni 242 e 338 delle Nazioni Unite, e con frontiere chiaramente definite, in modo da dare a entrambi i popoli, israeliano e palestinese, dignità umana, sicurezza e uguali opportunità. Molte ingiustizie devono essere riparate, cominciando con la restituzione delle terre ai legittimi proprietari originari e con l’abbattimento del cosiddetto Muro di sicurezza».

Il messaggio si conclude con un appello alle sorelle e fratelli cristiani di tutto il mondo perché aderiscano alla Settimana promossa dal Consiglio ecumenico delle Chiese e ne facciano una speciale occasione di preghiera per la pace in Terra Santa.

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai al sito dell'Ufficio pellegrinaggi
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
In nome dell’amore
Simone Weil

In nome dell’amore

Investigazioni spirituali su Gesù di Nazaret
«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

Letture di testi sacri per vivere insieme
Atti degli apostoli: analisi sintattica
Lesław Daniel Chrupcała

Atti degli apostoli: analisi sintattica

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico