Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.

Coi magi alla Domus Galilaeae

12/01/2007  |  Korazim
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Anche quest'anno l'Epifania è stata celebrata in un clima di particolare allegria dalla comunità neocatecumenale che vive alla Domus Galilaeae, il centro internazionale del movimento che sorge a Korazim, sulle colline che circondano il lago di Tiberiade (in Israele). A condividere la gioia di questa festa sono stati invitati anche 500 ebrei e un migliaio di arabi cristiani. Hanno accolto l'appello famiglie, bambini e persone di tutte le età.



Anche quest’anno la festa dell’Epifania è stata celebrata in un clima di particolare allegria alla Domus Galilaeae, il centro internazionale dei neocatecumenali che sorge a Korazim, sulle colline che circondano il lago di Tiberiade (in Israele).

A condividere la gioia sono stati invitati anche 500 ebrei (il giorno 6) e un migliaio di arabi cristiani della Galilea (il 7). Hanno accolto l’appello famiglie, bambini e persone di tutte le età.

«Abbiamo avuto l’idea di fare un incontro di amicizia invitando i vicini di casa, gli ebrei dei kibbutz e delle cooperative dei dintorni. È un’esperienza che ripetiamo ormai da tre anni. Penso che questo possa aiutare il rapporto tra Chiesa e mondo ebraico» ha spiegato don Rino Rossi, responsabile della Domus Galilaeae. I «vicini di casa» si sono mostrati contenti dell’accoglienza.

Il coro di giovani e seminaristi provenienti da tutto il mondo, che qui alla Domus Galilaeae lavorano e prestano servizio di volontari, ha eseguito dei canti in ebraico, seguiti da alcuni brani musicali interpretati dai musicisti romani Gabriele Croci (violista) e Daniela Morelli (pianista).

Tre giovani seminaristi, provenienti da Spagna, India e Africa, hanno rivestito i panni dei re magi, raccontato la loro esperienza della Terra Santa e offerto dolci e regali ai bambini.

Il giorno successivo, festa per gli arabi cristiani, che, malgrado la pioggia torrenziale, sono accorsi in massa. Circa un migliaio di persone s’è raccolto intorno ai magi e all’arcivescovo melkita mons. Elias Chacour, che ha presieduto l’incontro e impartito la benedizione finale.

«È molto importante per noi esser in questo luogo, perché è l’area in cui – anche secondo alcune antichissime tradizioni beduine – Gesù pronunciò il discorso che costituisce la magna charta, il cuore della nostra fede» dice don Rino Rossi a proposito della proprietà francescana su cui sorge il centro internazionale. «La Custodia di Terra Santa – riprende il religioso – offrì questo terreno al Cammino Neocatecumenale perché restasse alla Chiesa e non fosse espropriato dal governo. Kiko Arguello e Carmen Hernandez, iniziatori del Cammino, ben volentieri hanno accettato».

Kiko, insieme ad un’équipe di architetti spagnoli e italiani, ha elaborato il progetto e ne ha seguito la realizzazione. La costruzione è iniziata nel 1998 e ha costituito un esempio significativo di collaborazione tra imprese ebraiche e cristiane, con l’apporto di manodopera araba (musulmani, drusi e cristiani). I fondi per la costruzione sono stati raccolti grazie alla generosità dei fratelli del Cammino Neocatecumenale di tutte le parti del mondo, poveri e ricchi.

La visita di Giovanni Paolo II, nel marzo del 2000, ha segnato in modo indimenticabile la vita della Domus. In questa occasione il Papa esclamò: «Il Signore vi stava aspettando su questo monte!».

Nel centro Domus Galilaeae vive una comunità formata da coppie, seminaristi e giovani, provenienti da tutto il mondo. Offrono un servizio gratuito e spontaneo secondo le loro possibilità, e che conducono una vita di preghiera e lavoro. L’accoglienza ha avuto inizio a partire dal 2003, in un momento in cui i pellegrinaggi in Terra Santa erano praticamente fermi.

Finalità della Domus è innanzitutto offrire accoglienza alle comunità Neocatecumenali che al termine del Cammino di iniziazione cristiana, dai cinque continenti vengono in pellegrinaggio nei Luoghi Santi. La struttura vuole anche offrire ospitalità a vescovi, presbiteri e seminaristi, per consentire loro di conoscere la geografia della Salvezza.

La Domus Galilaeae svolge inoltre un servizio alla chiesa locale, accogliendo esercizi spirituali del clero e altre iniziative, come incontri di vescovi con lo scopo primario di promuovere l’evangelizzazione.

Il centro sta poi divenendo sempre più un’occasione di incontro tra cristiani ed ebrei. «Siamo sorpresi – afferma don Rossi – dal flusso crescente di ebrei che, attratti dalla bellezza della casa, vengono qui in visita. Vogliamo mettere in atto il desiderio del Papa che essa diventi un ponte di comunione e amicizia con il mondo ebraico, e una delle iniziative è la festa dell’Epifania che facciamo ormai da tre anni».

Il Cammino, negli ultimi due anni, ha svolto missioni in varie parrocchie della Terra Santa, come a Tarshiha e a Fassuta in Galilea per dar modo ai cristiani del luogo di approfondire la propria fede. Incontri di catechesi sono stati effettuati anche in Giudea, a Gerusalemme, Betlemme e – da vari anni – a Jaffa, presso Tel Aviv.

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai al sito dell'Ufficio pellegrinaggi
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Il libro delle risposte della fede
MichaelDavide Semeraro

Il libro delle risposte della fede

Domande scomode a Dio e alla Chiesa
Il Santo e il Sultano

Il Santo e il Sultano

Damietta, l’attualità di un incontro