Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Anche Israele commemora Arturo Toscanini

16/01/2007  |  Tel Aviv
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Anche Israele commemora Arturo Toscanini
Il maestro Arturo Toscanini (Parma, 1867 - New York, 1957).

In Italia, come in altri Paesi del mondo, si ricorda oggi mezzo secolo dalla morte del grande direttore d'orchestra emiliano. Israele dedicherà alla sua memoria una serie di concerti e manifestazioni. La figura di Toscanini è infatti stimata ed apprezzata dai cultori della musica e dal mondo della cultura israeliano per il ruolo svolto dal maestro nella nascita dall'Orchestra filarmonica nazionale, fondata a Tel Aviv nel 1936.


Arturo Toscanini, il grande direttore d’orchestra italiano di cui oggi ricorre il cinquantesimo anniversario dalla morte, verrà ricordato con solennità anche in Israele con una serie di concerti e manifestazioni.

La figura di Toscanini è infatti stimata ed apprezzata dai cultori della musica e dal mondo della cultura israeliano per il ruolo svolto dal maestro nella nascita dall’Orchestra filarmonica (che proprio il 26 dicembre scorso ha festeggiato i 70 anni di vita con un grande concerto diretto da Zubin Mehta).

Fondata nel 1936 dal violinista ebreo d’origine polacca Bronislaw Huberman, fuggito dall’Europa a causa delle leggi razziali al tempo del nazismo, l’Orchestra (che allora si fregiava del nome di Orchestra di Palestina) tenne il suo concerto inaugurale il 26 dicembre 1936 a Tel Aviv sotto la direzione di Arturo Toscanini, che ne appoggiò la nascita come gesto di aperta sfida verso la politica anti-ebraica di Hitler e del regime fascista di Mussolini.

Dopo il 1948, con la nascita dello Stato d’Israele, l’orchestra assunse il nome di Filarmonica d’Israele. Ancora oggi è la principale istituzione musicale d’Israele. Nelle sue fila e alla sua direzione si sono alternati musicisti e direttori del calibro di Leonard Bernstein, Zubin Mehta e Daniel Barenboim.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Il cantico della felicità
Khalil Gibran

Il cantico della felicità

Caleidoscopio sulla pace del cuore
Chiamati a libertà
Silvano Fausti

Chiamati a libertà

L'ultima parola di un profeta del nostro tempo
Guida letteraria del mondo

Guida letteraria del mondo

Pagine di viaggio dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
Il libro delle preghiere che guariscono

Il libro delle preghiere che guariscono

Le parole che curano e consolano da tutte le fedi e le culture