Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Un cristiano al cuore dell’islam

Silvia Bona
20 novembre 2006
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Un cristiano al cuore dell’islam

«Nell'opera di Dio (...) vi è in ogni campo una grande diversità all'interno della più sontuosa unità». Jean-Mohammed Abd-el-Jalil - nato musulmano a Fez, in Marocco, nel 1904 e morto cristiano e francescano a Parigi nel 1979 - sembra racchiudere in questa frase l'esito della sua ricerca umana e intellettuale, nella quale due fedi e due culture si congiungono senza confondersi, in una singolare esperienza di vita e di pensiero. La sua vicenda e le sue intuizioni vengono oggi riproposte in un libro curato da Maurice Borrmans.


«Nell’opera di Dio (…) vi è in ogni campo una grande diversità all’interno della più sontuosa unità». In questa frase Jean-Mohammed Abd-el-Jalil – nato musulmano a Fez, in Marocco, nel 1904 e morto cristiano e francescano a Parigi nel 1979 – sembra racchiudere l’esito della sua ricerca umana ed intellettuale nella quale due nomi, due fedi, due patrie, due culture si congiungono senza confondersi, in una singolare esperienza di vita e di pensiero che ha molto da suggerire al dibattito attuale sulla questione del dialogo, tra cristianesimo e islam anzitutto, ma non solo.

La sua vicenda e le sue intuizioni, che lo avevano reso insigne protagonista della riflessione interreligiosa degli anni Sessanta del secolo scorso, vengono oggi riproposte nel libro, curato da Maurice Borrmans, Testimone del Corano e del Vangelo.

Oltre a fornire la bibliografia completa dei numerosi scritti del francescano marocchino, il volume propone due brevi ma efficaci sezioni antologiche: la prima, L’uomo, conduce il lettore alla scoperta della biografia di padre Giovanni Maometto attraverso una raccolta di testimonianze in prima persona e di quanti lo hanno conosciuto; la seconda, Il messaggio, raccoglie alcune delle pagine più significative dei suoi interventi che esplicitano le domande che hanno orientato la sua ricerca, illustrano il metodo con il quale ha cercato le risposte e rivelano i princìpi fondanti delle convinzioni alle quali è giunto.

Sono studi, pubblicazioni, interventi pubblici, lettere, resoconti di viaggi e di incontri in cui è ravvisabile come un filo rosso l’obiettivo che questo musulmano-cristiano ha perseguito per tutta la vita come personale vocazione: giungere a «spiegare compiutamente in modo sintetico e vivo i problemi che pongono le affinità e le differenze tra cristianesimo e islam» affinché, sulla base di una comprensione reciproca, sia possibile costituire un vero dialogo. Grazie alla competenza ed all’oggettività che nascono dalla capacità di coniugare esperienza vissuta e seria riflessione scientificamente condotta, questo intento non resta ridotto a indicazioni generiche o a riflessioni meramente teoriche, ma si traduce in lucide analisi capaci di fornire chiavi interpretative e concrete indicazioni metodologiche.

Ogni sforzo è orientato a consentire a un pubblico cristiano di comprendere l’Islam a partire da quello che viene definito il suo «cuore», ossia ciò che vi è in esso di più «primigenio», che determina la sua prospettiva sul mondo, sull’uomo, su Dio, che fonda i suoi principi e le sue convinzioni più intime e da cui discendono come corollari la sua spiritualità, il suo modo di pensare, di sentire, di agire, i suoi imperativi intellettuali e morali: «la rivendicazione a Dio solo del diritto di signoria e al culto, ossia al servizio dell’uomo, contro ogni idolatria».

Il percorso per giungere a questa autentica conoscenza si articola in tre tappe nelle quali si coniugano intelletto e carità: rendersi «ospiti interiori dell’altro» cercando di comprenderlo nella sua prospettiva, considerare con obiettività realistica «come esso sia e come vorrebbe essere» e accoglierlo con solidarietà, senza dissolvere le differenze in una finta identità dal sapore buonista e senza, d’altro canto, irrigidirsi in una contrapposizione sterile che trasforma la differenza in opposizione.

Per essere in autentico dialogo, dunque, bisogna imparare ad essere «altri» senza essere «contro». È questa idea che fa di Giovanni Maometto un mediatore culturale nel senso più proprio: l’appartenenza consapevole a due culture che restano reciprocamente «altre» gli consente di stare al confine tre i due mondi sentendoli entrambi come propri, amandoli entrambi e considerandoli perciò con quella profondità e con quella attenzione che sono la condizione imprescindibile per raggiungerne il senso più intimo e più vero nel quale si rivelano le potenzialità e i limiti delle culture e si palesano i fondamenti ultimi che ne definiscono le identità.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Sorella anima
David-Marc d’Hamonville

Sorella anima

Alla scoperta di una interiorità possibile
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe