Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.

Dal Carmelo: «I grandi della terra ascoltino la voce di Dio»

19/07/2006  |  Haifa
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Dal Haifa ci giunge la testimonianza delle suore del Monte Carmelo. E l'invito ad unirsi a loro nella preghiera alla Vergine, Regina della Pace.


Haifa è sottoposta in questi giorni al fuoco dei razzi Katiuscia lanciati dalle postazioni degli Hazbollah. Dal Monte Carmelo, uno dei luoghi più venerati della Terra Santa (la memoria del profeta Elia accomuna ebrei, cristiani, musulmani e drusi), ci scrivono le suore carmelitane. Alla Vergine del Carmelo ha affidato le sorti della Terra Santa anche Benedetto XVI durante l’Angelus di domenica scorsa.

«Sotto la tua protezione, troviamo rifugio Santa Madre di Dio, non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova e liberaci da ogni pericolo o Vergine Gloriosa e Benedetta».
É questa l’invocazione che sgorga continuamente dal cuore, dopo l’Ave Maria, per impetrare tutte le grazie di cui abbiamo bisogno in questo momento. Da 2800 anni, il profeta Elia, di cui ricorre la festa domani 20 luglio, è la grande presenza che accomuna tutti i credenti delle nostre regioni: ebrei, cristiani, musulmani, drusi.
Sentiamo potente la sua mediazione, soprattutto ora che la zona del Monte Carmelo e il Libano sono tutt’uno, sotto la minaccia dei missili, che da cinque giorni arrivano a intermittenza, paralizzando la vita e l’attività normale, ma senza lasciarci scoraggiare.
E noi, carmelitane del Monte Carmelo? Siamo grate dei messaggi spirituali sulle ali della preghiera e dell’affetto, delle chiamate telefoniche, delle testimonianze ricevute via mail che ci giungono dal mondo intero, da persone note o sconosciute, ma tutte desiderose di manifestare solidarietà e preghiera.
La nostra vita continua più che fiduciosa nell’aiuto del Signore, con gli scombussolamenti inevitabili al suono della sirena, ogni volta che un attacco è previsto e che lascia appena il tempo di cercare i luoghi più sicuri del monastero, non certo le nostre celle tutte esposte verso il mare, dal quale giungono a intermittenza i «regali» che seminano morti, crolli di case, feriti, paura.
Il cielo così bello e azzurro, è solcato quasi in continuazione da pesanti aerei di guerra, diretti verso il Libano, questo Paese tanto ospitale e cristiano, ancora una volta teatro di guerra.
È vicino al Monte Carmelo, geograficamente e spiritualmente, sia pure dopo tanti anni di separazione politica, senza possibilità di accesso normale. E dire che Beirut dista meno da Haifa che Gerusalemme.
Ecco quanto stiamo vivendo, mentre chiediamo la preghiera di tutti, perchè i grandi della politica ascoltino la voce di Dio, del nostro Dio di pace, il Dio di Gesù Cristo.

 

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai al sito dell'Ufficio pellegrinaggi
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Il libro delle risposte della fede
MichaelDavide Semeraro

Il libro delle risposte della fede

Domande scomode a Dio e alla Chiesa
Il Santo e il Sultano

Il Santo e il Sultano

Damietta, l’attualità di un incontro