Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Premio Goccia d’Oro 2006 al Custode di Terra Santa

23/06/2006  |  Rapolano Terme (Siena)
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

A padre Pierbattista Pizzaballa il Premio Goccia d'Oro 2006 attribuito ogni anno a personalità che si sono distinte per il loro impegno sociale. Riconoscimenti anche all'Ospedale Sacra Famiglia di Nazareth e - alla memoria - a don Andrea Santoro.


Ogni anno l’amministrazione comunale di Rapolano Terme (provincia di Siena) attribuisce un premio nazionale denominato «La Goccia d’Oro». Il premio viene assegnato a personalità che si siano particolarmente distinte nell’impegno sociale e nell’ambito del volontariato. L’idea del premio nasce dalla convinzione che solo tante piccole gocce possono costruire una società più fraterna, solidale e a misura d’uomo.

Tra le Gocce d’Oro di quest’anno, consegnate il 24 giugno alla presenza del vescovo di Arezzo-Cortona-Sansepolcro mons. Gualtiero Bassetti, anche padre Pierbattista Pizzaballa, Custode di Terra Santa, con la motivazione: «Al merito del dialogo e della pace, nel segno di Francesco d’Assisi, primo assertore del dialogo tra cristianesimo e islam».

Oltre a quella attribuita al padre Custode, un’altra Goccia d’oro è «caduta» in Terra Santa. È stato infatti premiato l’Ospedale Sacra Famiglia di Nazareth per il suo impegno nell’assistenza sanitaria ai più bisognosi. Il premio è stato ritirato da fra Giampietro Luzzato, economo provinciale dei Fatebenefratelli.

Un premio speciale è stato anche attribuito alla memoria di don Andrea Santoro, il sacerdote romano ucciso in Turchia nel febbraio scorso.

Guida letteraria del gusto

Guida letteraria del gusto

Pagine enogastronomiche dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
I segreti della Natura
Manuela Mariani

I segreti della Natura

Storie in rima di piante e animali
Benediciamo il Signore

Benediciamo il Signore

Preghiere per la mensa