Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Da nemici a fratelli. L’esperienza di «Combattenti per la pace»

12/05/2006  |  Israele/Territori Palestinesi
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Da nemici a fratelli. L’esperienza di «Combattenti per la pace»
Militari israeliani a un posto di blocco tra Gerusalemme e Betlemme (foto Chiara Tamagno).

Una nuova esperienza di dialogo e collaborazione ha visto la luce nelle scorse settimane in Israele e Palestina. Si chiama «Combattenti per la pace», ed è una associazione formata da ex componenti dell'esercito israeliano e delle fazioni palestinesi.Scopo dell'associazione è quello di promuovere il dialogo, la pace e la giustizia per favorire la fine del sanguinoso conflitto che tocca la regione. Chi ha conosciuto l'abisso della guerra, sostengono questi  combattenti senz'armi, può ben dire una parola sulla necessità di arrivare a una pace giusta.


Una nuova esperienza di dialogo e collaborazione ha visto la luce nelle scorse settimane in Israele e Palestina. Si chiama «Combattenti per la pace», ed è una associazione formata da ex componenti dell’esercito israeliano e delle fazioni palestinesi. Una cinquantina di membri di questo nuovo germoglio di pace si è trovata a Gerusalemme in occasione della Pasqua ebraica, che coincide anche con la Giornata del prigioniero che i palestinesi celebrano per ricordare i detenuti nelle carceri israeliane. Dell’evento ha dato notizia un reporter del Christian Science Monitor, che ha incontrato questi ex-nemici che hanno deciso di chiamarsi fratelli. Scopo dell’associazione è infatti quello di promuovere il dialogo, la pace e la giustizia per favorire la fine del sanguinoso conflitto che tocca la regione. Chi ha conosciuto l’abisso della guerra, sostengono questi  combattenti senz’armi, può ben dire una parola sulla necessità di arrivare a una pace giusta.

Tra i promotori di questa iniziativa c’è Yonatan Shapira, per 15 anni membro d’élite delle Forze di difesa israeliane, che è riuscito a coinvolgere nell’impresa un gruppo di militanti palestinesi di al-Fatah i quali hanno accettato di entrare a far parte dell’organizzazione. «Molti palestinesi vedevano per la prima volta un soldato israeliano disarmato. Noi israeliani ci siamo trovati viceversa a parlare con gli uomini che avevamo a lungo combattuto». Dopo una serie d’incontri mensili, la decisione di arrivare a una forma più stabile di azione sociale e di sensibilizzazione. Del gruppo fa attualmente parte una novantina di ex soldati di entrambe le parti, di età compresa tra i 20 e i 60 anni.

L’iniziativa – c’era da aspettarselo – non ha certo suscitato l’entusiasmo delle autorità di Israele e Palestina. Per il governo di Tel Aviv gli ex-soldati che parlano con i nemici sono una presenza poco gradita. Per il governo integralista di Hamas questi combattenti che hanno deposto le armi sono doppiamente traditori.

Le difficoltà non mancano, insomma. La maggiore è legata alle pastoie burocratiche e alle norme di sicurezza che vietano la libera circolazione tra Israele e Territori. Abituati a lottare, i «Combattenti per la pace» non demordono. Tra gli obiettivi futuri, una campagna contro gli insediamenti illegali dei coloni ebrei in Cisgiordania e in favore della creazione di frontiere stabili, definitive e condivise tra Israele e il futuro Stato palestinese.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Il bosco dei centenari
Giuseppe Caffulli

Il bosco dei centenari

Il libro del cuore
Luca Antonio Fallica

Il libro del cuore

Incontrare Davide
Pedalande
Beatrice Filippini

Pedalande

In solitaria su una bici pieghevole dalla Colombia alla Terra del Fuoco
I verbi di Dio – edizione economica
Carlo Maria Martini

I verbi di Dio – edizione economica

Con riflessioni sui miracoli di Gesù e sul sogno di un'esistenza alternativa