Attualità

L'Unicef: il 2016, anno orribile per i minori siriani


 Terrasanta.net |  14 marzo 2017

Saja, 13 anni, da Aleppo. Una tra i molti bambini mutilati o uccisi da 6 anni di guerra in Siria. (foto Al Issa/Unicef)

In un rapporto dell'Unicef i dati sulla drammatica situazione dei minori in Siria, a sei anni dall'inizio del conflitto. Oltre 650 sono rimasti uccisi sotto le bombe nel 2016. In 6 milioni dipendono dagli aiuti umanitari.


(i.s.) - Assia ha 10 anni e non ha mai messo piede a scuola. «Non ho idea di come possa essere un’aula scolastica. Mi piacerebbe andare a scuola e da grande diventare un’insegnante». Assia è una dei 1,75 milioni di bambini siriani che non possono frequentare la scuola. Fares, invece, ha appena sei anni. Vive con i genitori in Libano: «Non so leggere né scrivere. So solo disegnare il mare, il cielo e il sole». In compenso Fares sa servire ai tavoli nei ristoranti, sa spazzare il pavimento e servire coni gelato. Saja, 13 anni, ha visto morire suo fratello e quattro suoi amici durante un bombardamento. Lei stessa – che sognava di diventare una ginnasta – ha perso una gamba.

Quelle di Assia, Fares e Saja sono tre delle storie raccolte da Unicef nel dossier Toccare il fondo. Come il 2016 è diventato l’anno peggiore per i bambini siriani, pubblicato alla vigilia del sesto anniversario dello scoppio della guerra in Siria. I dati pubblicati dall’agenzia per l’infanzia delle Nazioni Unite fotografa una situazione drammatica. A partire dall’enorme numero di bambini tra le vittime civili: 652 solo nel 2016, con un aumento del 20 per cento rispetto al 2015. «Limitandoci ad Aleppo, in una sola settimana dello scorso settembre – si legge nel rapporto – 96 bambini sono stati uccisi e 223 sono rimasti feriti».

Ma in Siria non si muore solo a causa dei bombardamenti, dei proiettili e delle esplosioni. Si muore per mancanza di cure mediche e di cibo: sono circa 2,8 milioni i bambini che vivono in aree difficilmente accessibili. Di questi, almeno 280 mila vivono all’interno di aree assediate. Qui si muore per malattie che in altre parti del mondo vengono curate facilmente e il rischio di morire di fame è molto elevato dal momento che un bambino su quattro soffre di grave malnutrizione.

Unicef stima che siano circa 6 milioni i bambini siriani che dipendono dagli aiuti umanitari. Circa due milioni e mezzo i piccoli profughi che vivono da sfollati in Libano, Giordania, Turchia, Egitto e Iraq.

In questo contesto di crescente insicurezza e deprivazione (anche economica) per le famiglie crescono le situazioni di sfruttamento cui sono sottoposti i bambini e gli adolescenti siriani. A partire dall’aumento dei matrimoni precoci - ampiamente documentato soprattutto nei campi profughi in Giordania e in Libano -, dal crescente impiego dei bambini nei più disparati settori lavorativi (nei campi come nell’edilizia, nelle fabbriche tessili come nei ristoranti). E cresce anche il numero di bambini e adolescenti  costretti a combattere: solo nel 2016, Unicef ha documentato 850 episodi di reclutamento di minori (il doppio rispetto al 2015), che sempre più spesso vengono impiegati in prima linea, usati come attentatori suicidi o come guardie armate.

Vita da profughi, la storia di Hejar e della sua famiglia

In questi giorni in Terra Santa, gli israeliani hanno celebrato l'indipendenza e i palestinesi la propria tragedia nazionale, che rileggiamo con gli occhi di Hejar Zghari, profuga a Betlemme.

Egitto, rimpatriati i corpi dei martiri copti

Il 14 maggio la Libia ha reso le spoglie dei martiri copti decapitati dai jihadisti affiliati all'Isis nella città di Sirte. I feretri sono stati accolti con grande emozione dai cristiani dell'Egitto.


Gaza: per il Papa la violenza non porta mai alla pace

Papa Francesco si è detto molto preoccupato per le violenze in Terra Santa. Sabato 19 maggio i cattolici europei si uniscono alla Chiesa di Gerusalemme nella preghiera per la pace e la difesa della vita.

Fra morti e proteste le celebrazioni in Israele

Il 14 maggio si è svolta la cerimonia d'apertura dell'ambasciata Usa a Gerusalemme. «Un momento storico» per il premier israeliano Netanyahu. Intanto cresce il bilancio delle vittime a Gaza.