Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Il Mossad mette in guardia i dirigenti di Iran e Russia

Fulvio Scaglione
13 settembre 2023
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Mentre Washington tratta con Teheran, nel corso di un intervento pubblico David Barnea – il capo del Mossad – ha fatto risuonare una chiara minaccia ai dirigenti politici e militari iraniani (e russi): Israele è pronto a far pagare un prezzo caro a chiunque decida di danneggiarlo.


Era prevedibile che gli sviluppi della situazione in Medio Oriente, con il disgelo tra Arabia Saudita e Iran promosso dalla Cina, la rinnovata alleanza energetica tra Arabia Saudita e Russia (tagli alla produzione di petrolio per tenere alti i prezzi) e l’apparente inerzia degli Usa, che continuano con discrezione a trattare con gli iraniani, non fossero troppo graditi alla dirigenza di Israele. Ecco dunque l’intervento di David Barnea, direttore del Mossad (il più celebre, forse, tra i servizi segreti israeliani – ndr), che alla conferenza annuale dell’Istituto internazionale per l’antiterrorismo dell’Università Reichman di Herzliya, il 10 settembre scorso, si è negato poco o nulla, su molti fronti.

Capitolo Iran. Barnea ha detto che «il terrorismo è diventato un’arma comune e a buon mercato nelle mani della Repubblica terroristica dell’Iran», e ha sottolineato che nell’ultimo anno Israele e i suoi alleati hanno sventato 27 attacchi terroristici in tutto il mondo. E ha aggiunto: «Fortunatamente per l’Iran, i suoi sforzi terroristici sono stati contrastati. Perché fortunatamente per loro? Perché finora siamo arrivati solo agli agenti operativi», mentre qualunque tentativo iraniano di colpire ebrei o israeliani «porterà a intervenire contro gli iraniani che hanno inviato i terroristi e anche contro i decisori, dagli operatori di terra ai comandanti che hanno approvato l’operazione fino ai massimi livelli. E dico sul serio».

Insomma, una minaccia diretta ai vertici politici di Teheran, che infatti non è rimasta senza risposta: Nasser Kanani, portavoce del ministero degli Esteri iraniano, ha detto che il suo Paese non esiterà a rispondere alle mosse «sciocche» degli israeliani, aggiungendo che «un annuncio così esplicito di complotti per assassinare i funzionari di un Paese è perfettamente indicativo della natura terroristica del regime di Israele».

L’uscita sull’Iran di Barnea (è chiaro che dichiarazioni di questo genere implicano il consenso del premier Benjamin Netanyahu) è stata dai più interpretata come un messaggio neppur troppo indiretto alla Casa Bianca e al presidente Biden: Israele sa che i contatti tra gli Usa e l’Iran proseguono e teme che Washington finisca in qualche modo per adattarsi allo spostamento degli equilibri in corso in Medio Oriente, trascurando la preoccupazione di Israele, convinto che l’Iran stia aumentando i propri sforzi per danneggiare lo storico rivale. Accusa che l’Iran ritorce contro Israele, a sua volta accusato di una serie di omicidi mirati, a Teheran e dintorni, contro scienziati e funzionari iraniani impegnati nel settore nucleare.

Come si diceva, Barnea si è rivolto anche a Mosca per le intese con l’Iran nel campo degli armamenti e delle rotte commerciali. Il direttore del Mossad ha detto che «un recente tentativo da parte dell’Iran di fornire missili alla Russia nel contesto della guerra contro l’Ucraina è stato sventato, e ho la sensazione che altri accordi verranno sventati presto». Di fatto Barnea ha ricordato al Cremlino il patto non scritto, ma piuttosto evidente, rimasto in vigore in questo primo anno e sette mesi di guerra in Ucraina: Israele non fornisce armi all’Ucraina, la Russia non presti aiuto al regime iraniano.

Seguire Gesù
Matteo Crimella

Seguire Gesù

Sette meditazioni sul Vangelo di Luca
Semi di fraternità
Massimo Fusarelli

Semi di fraternità

Con Francesco nelle sfide del nostro tempo
In Terra Santa – nuova ed. brossura
Gianfranco Ravasi

In Terra Santa – nuova ed. brossura

Un pellegrinaggio spirituale