Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Un’antica icona tornata a Cipro dalla Svizzera

Terrasanta.net
20 luglio 2022
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Un’antica icona tornata a Cipro dalla Svizzera
Il ministro Yiannis Karousos con l'arcivescovo Chrysostomos II durante la cerimonia di restituzione dell'icona del Pantocratore il 13 luglio 2022 a Nicosia. (foto Andreas Loucaides/PIO)

Otto anni dopo il sequestro da parte delle autorità di Zurigo, è stata restituita alla Chiesa ortodossa di Cipro un'antica icona raffigurante Cristo pantocratore in trono. Era scomparsa nel 1974, anno dell’invasione delle truppe turche nel nord dell’isola.


(c.l.) – Un’icona del XV o inizio del XVI secolo, scomparsa nel 1974 durante l’invasione turca di Cipro, è tornata a casa. Lo ha comunicato la Chiesa ortodossa di Cipro il 13 luglio scorso.

Fino all’agosto 1974, l’icona del Cristo pantocratore in trono faceva parte di un’iconostasi in legno – la parete di icone che separa il presbiterio dall’aula che accoglie i fedeli – appartenente a una chiesa bizantina nel nord dell’isola, secondo il Dipartimento delle antichità di Cipro. La chiesa in questione è quella di Cristo Antiphonitis («Cristo che risponde») situata a Kalograia (Bahçeli in turco), nel distretto costiero settentrionale di Kyrenia, controllato de facto dalla Repubblica turca di Cipro del Nord (priva di riconoscimento internazionale).

La chiesa fu edificata nel VII secolo e ricostruita nel XII, quando l’interno fu affrescato secondo i canoni bizantini. Fu poi ampliata nel XV secolo, quando l’isola del Mediterraneo orientale era ancora controllata dai monarchi della dinastia Lusignano (1192-1489). La sua famosa cupola, che poggia su otto pilastri, rende questa chiesa l’unica del suo genere a Cipro sopravvissuta fino ad oggi.

L’iconostasi è stata rimossa dopo il 1975. Affreschi, icone e decorazioni in legno intagliato sono stati in gran parte saccheggiati e venduti sul mercato internazionale dell’arte. Alcune icone sono state rinvenute in seguito in una collezione privata nei Paesi Bassi.

Una vicenda legale internazionale

Il governo cipriota ha quindi intrapreso un’azione legale per ottenerne la restituzione. Quattro hanno fatto ritorno nel settembre 2013. Casi simili si ripetono. Per citare un solo esempio: nel 1998 venne resa a Cipro un’icona della Vergine, risalente al XV secolo, che era finita ad Atene, in Grecia.

L’icona del Cristo Pantocratore è riemersa 40 anni dopo la sua scomparsa, quando il suo proprietario, che l’aveva ricevuta in eredità, ha deciso di venderla all’asta a Zurigo, in Svizzera. Poiché non era a conoscenza della sua origine, non ha commesso alcun reato. L’icona è stata infine confiscata nel settembre 2014 dalla Procura di Zurigo in seguito a una segnalazione delle autorità di polizia cipriote, che avevano individuato l’annuncio d’asta su Internet. La restituzione è avvenuta in base agli accordi europei di assistenza giudiziaria, della Convenzione dell’Unesco e degli accordi bilaterali tra Svizzera e Cipro. È stato altresì raggiunto un accordo tra l’ex possessore dell’icona e la Chiesa greco-ortodossa di Cipro sulle modalità di restituzione.

Oltre 20mila icone rubate dal 1974

Il rimpatrio è avvenuto il 7 luglio, secondo quanto riferito dalla polizia cantonale e dal procuratore di Zurigo, ma l’icona è stata ufficialmente presentata il 12 luglio da Yiannis Karousos, ministro cipriota dei Trasporti Comunicazioni e Lavori pubblici, responsabile del caso, all’arcivescovo Chrysostomos II, primate della Chiesa ortodossa di Cipro. Per il momento, è stato reso, l’icona sarà trasferita al Museo di Cipro, nella capitale Nicosia.

Si stima che dopo il 1974, più di 20mila icone e decine di affreschi siano stati asportati dalle chiese di Cipro Nord. Il ministro dei Trasporti ha dichiarato che c’è «l’obiettivo di rafforzare il Dipartimento delle Antichità con personale specializzato, creando così un gruppo speciale che si occupi dell’argomento».

RICETTE D’ORIENTE – Le religioni a tavola
Anna Maria Foli

RICETTE D’ORIENTE – Le religioni a tavola

Le religioni a tavola
L’amaro l’offrite voi?
Bernardo De Luca

L’amaro l’offrite voi?

Avventori e avventure di un ristoratore romano a Roma
Il Presepe nell’arte – II edizione
Rosa Giorgi

Il Presepe nell’arte – II edizione

Viaggio nell’iconografia della Natività