Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Palmira e le sue storie straordinarie. Una mostra digitale

Terrasanta.net
5 novembre 2021
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Palmira e le sue storie straordinarie. Una mostra digitale

Una mostra su Palmira, realizzata in memoria dell’archeologa Maria Teresa Grassi che dedicò all'antica metropoli in Siria anni di lavoro: è visitabile gratuitamente online fino al 31 ottobre 2022.


A dieci anni dall’inizio della guerra in Siria, Palmira non può essere dimenticata. Nell’oasi siriana di Tadmur, il celeberrimo sito archeologico di Palmira a metà strada tra il Mediterraneo e l’Eufrate è diventato l’emblema dello scempio perpetrato al patrimonio culturale. Monumenti di valore inestimabile sono stati distrutti e l’archeologo Khaled al As’ad, direttore delle antichità e del museo di Palmira, nel 2015 è stato torturato e ucciso dai fanatici dell’Isis.

Ma l’antica città, ideale punto mediano tra Oriente e Occidente, racconta ancora oggi storie differenti. «Palmireni più o meno illustri nella pietra e nell’argilla hanno impresso la loro visione del mondo aperta, accogliente ed eclettica», spiega l’archeologa Gioia Zenoni, curatrice della mostra digitale Le straordinarie storie di Palmira.

La mostra, nata dalla collaborazione tra la Fondazione Terra Santa e lo HumanLab del Dipartimento di Studi umanistici dell’Università Iulm di Milano, è dedicata alla memoria della studiosa Maria Teresa Grassi, docente di Archeologia romana e delle Province romane, scomparsa nel gennaio 2020. La professoressa Grassi diresse dal 2007 al 2010 a Palmira la missione archeologica congiunta italo-siriana.

Gioia Zanoni, che fu sua stretta collaboratrice, inaugurando la Mostra durante le Giornate di Archeologia del Vicino e Medio Oriente 2021, ha ricordato come la professoressa Grassi non poté proseguire le ricerche sul campo dopo lo scoppio della guerra nel 2011, ma continuò a studiare l’antica città e dal 2015, dopo l’occupazione del sito da parte dei miliziani dell’Isis, iniziò una costante attività di informazione e sensibilizzazione, rinnovando un messaggio di conoscenza e fratellanza, ben sotteso al patrimonio di Palmira, contro la barbarie e l’ignoranza.

La Mostra, che raccoglie immagini fotografiche di studiosi che hanno lavorato Palmira, di archivi universitari e centri di ricerca, biblioteche e musei di tutto il mondo, dà, perciò, seguito all’attività di salvaguardia e trasmissione della memoria della professoressa Grassi. Quella memoria collettiva affidata alle testimonianze archeologiche del grande mosaico palmireno, luogo di incontro e contaminazione di culture.

Articolata in dieci sessioni, la Mostra è visitabile gratuitamente, con un percorso di visita guidato, fino al 31 ottobre 2022 sul sito lestoriestraordinariedipalmira.com

Palmira
Maria Teresa Grassi

Palmira

Storie straordinarie dell'antica metropoli d'Oriente
vai al sito delle Edizioni Terra Santa

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Benediciamo il Signore

Benediciamo il Signore

Preghiere per la mensa
La cucina come una volta
Anna Maria Foli

La cucina come una volta

Storie, segreti e antiche ricette da monasteri e conventi
La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

Verso nuovi modelli per la scuola delle competenze
Un nome e un futuro
Firas Lutfi

Un nome e un futuro

La risposta francescana al dramma siriano dei "bambini senza identità"