Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

C’è sete di frescura

Terrasanta.net
11 agosto 2021
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
C’è sete di frescura
Giochi di bimbi tra gli zampilli di una fontana il 10 agosto 2021 a Gerusalemme. (foto Yonatan Sindel/Flash90)

(g.s.) – Anche in Terra Santa in questi giorni d’agosto le temperature massime nelle principali città si attestano intorno ai 32 gradi centigradi, se non più. L’ondata d’afa accomuna molti Paesi del bacino mediterraneo.

Per via delle sue caratteristiche fisiche, l’area che va dal Portogallo alla Turchia è, d’altronde, una delle zone rosse per quanto riguarda il riscaldamento climatico del pianeta.

Il rapporto pubblicato il 9 agosto dal Comitato intergovernativo sul cambiamento climatico (Ipcc) sottolinea che gli ultimi cinque anni sono stati i più caldi dal 1850 ad oggi. Le attività umane, con l’emissione di anidride carbonica che producono, sono responsabili dell’innalzamento di 1,1 grado della temperatura media del pianeta.

La situazione sta peggiorando più rapidamente del previsto, ha commentato il 10 agosto il professor Daniel Rosenfeld, docente all’Istituto di Scienze della Terra dell’Università ebraica di Gerusalemme e unico membro israeliano dell’Ipcc.

«Queste situazioni – ci rammenta papa Francesco nell’enciclica Laudato si’ – provocano i gemiti di sorella terra, che si uniscono ai gemiti degli abbandonati del mondo, con un lamento che reclama da noi un’altra rotta. Mai abbiamo maltrattato e offeso la nostra casa comune come negli ultimi due secoli. Siamo invece chiamati a diventare gli strumenti di Dio Padre perché il nostro pianeta sia quello che Egli ha sognato nel crearlo e risponda al suo progetto di pace, bellezza e pienezza».

Il profeta e la balena
David-Marc d’Hamonville

Il profeta e la balena

Rileggere il libro di Giona
Tutt’intorno è Francia
Carlo Grande

Tutt’intorno è Francia

Grand tour sentimentale dalle brume di Calais alla luce di Marsiglia
Calendario di Terra Santa 2023 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2023 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico
Provaci ancora Macchia!
Isabella Salmoirago

Provaci ancora Macchia!