Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

La Sicilia dà ali al sogno di Misha

Terrasanta.net
28 luglio 2021
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
La Sicilia dà ali al sogno di Misha
Un momento del concerto del 23 luglio a Giardini Naxos.

Mohammed Al Sheikh, un giovane pianista palestinese studente della scuola di musica della Custodia di Terra Santa, è stato invitato nel messinese per una breve serie di concerti. Con lui due cantanti lirici e il direttore dell'Istituto Magnificat, fra Alberto Joan Pari.


(g.s.) – Si conclude questa sera con un concerto al Teatro antico di Taormina la trasferta siciliana di un manipolo di musicisti e cantanti dell’Istituto musicale Magnificat. La piccola delegazione aveva lasciato Gerusalemme il 19 luglio scorso per raggiungere l’Italia dall’aeroporto giordano di Amman (vista l’impossibilità di ottenere per tutti l’autorizzazione a partire da Tel Aviv). Del gruppo fanno parte il direttore della scuola di musica della Custodia di Terra Santa, fra Alberto Joan Pari, la vice-direttrice Giuliana Mettini, che è anche soprano e docente di canto; il basso-baritono Tareq Wahba neo diplomato in canto lirico e il pianista diciottenne Mohammed Al Sheikh, accompagnato dalla madre Ekaterina.

È proprio al giovanissimo musicista palestinese d’origini russe, già premiato in vari concorsi pianistici internazionali, che si deve questa tournée.

Fra Alberto spiega che l’invito dalla Sicilia è giunto inaspettato dopo un servizio giornalistico messo in onda da Rai3 e dedicato a questo giovane palestinese che per andare a lezione dalla sua insegnante Emma Spitkovsky – come lui di origini russe, ma ebrea – da Ramallah raggiunge la sede del Magnificat a Gerusalemme sottoponendosi con pazienza agli estenuanti controlli dei varchi militarizzati israeliani posti lungo la barriera di separazione tra i due popoli. Nel servizio, Mohammed spiegava di voler mostrare con concerti all’estero un altro volto dei giovani palestinesi, vale a dire il loro desiderio di bellezza e l’amore per l’arte, la musica, la cultura.

L’aspirazione di Misha – come Mohammed è chiamato dagli amici – è giunta all’orecchio degli organizzatori del Festival musicale di Taormina, che hanno raggiunto telefonicamente la direzione dell’Istituto Magnificat. Roberto Giamboi e Maurizio Gullotta, insieme con l’associazione Aldebaran, volevano ospitare il pianista nella cornice dell’iniziativa Musica da Gerusalemme, segni di speranza.

Da sinistra Giuliana Mettini, Tareq Wahba, fra Alberto J. Pari e Mohammed Al-Sheikh a Noto.

Il progetto si è realizzato nei giorni scorsi con un viaggio e tre concerti: a Noto, il 22 luglio nell’antico Salone delle feste di Palazzo Nicolaci (qui Mohammed e il Magnificat hanno ricevuto il Premio Grifo come ambasciatori di pace e di cultura); a Giardini Naxos il 23. Misha ha eseguito alcuni brani da solista e accompagnato al piano la soprano Giuliana Mettini e il basso-baritono Tareq Wahba. L’ultima esibizione è in programma questa sera – 28 luglio – alle 21.30 davanti a un migliaio di spettatori (non di più per i limiti imposti dalle norme anti-Covid) nel teatro greco di Taormina. In programma due concerti per pianoforte e orchestra: il concerto n. 3 Op. 37 in Do minore di Ludwig Van Beethoven e il concerto di Evard Grieg in La minore (Op. 16). Mohammed sarà accompagnato dall’Orchestra Taormina Opera Stars diretta dal maestro Salvo Miraglia.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
I segreti della Natura
Manuela Mariani

I segreti della Natura

Storie in rima di piante e animali
Guida letteraria del vino
Anna Maria Foli

Guida letteraria del vino

Pagine inebrianti dai più grandi scrittori d'ogni tempo e latitudine
Collectanea 54 (2021)

Collectanea 54 (2021)

Studia-documenta
Calendario di Terra Santa 2022 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2022 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico