Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Un atto di vandalismo incendiario al Getsemani

Terrasanta.net
4 dicembre 2020
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Un atto di vandalismo incendiario al Getsemani
Vigili del fuoco e agenti di polizia all'ingresso della basilica dell'Agonia (Getsemani), dopo l'attacco incendiario di oggi 4 dicembre 2020. (foto Olivier Fitoussi)

Nel primo pomeriggio di oggi, la polizia israeliana, chiamata dai custodi della basilica dell'Agonia, nel Getsemani, ha arrestato a Gerusalemme il presunto responsabile di un atto incendiario dentro la chiesa. Contenuti i danni alle panche.


(g.s.) – Mentre nella basilica del Santo Sepolcro, a Gerusalemme, era in corso il solenne insediamento del nuovo patriarca latino di Gerusalemme, mons. Pierbattista Pizzaballa, poco lontano qualcuno appiccava il fuoco alle panche della chiesa dell’Agonia, nel Getsemani (ai piedi del Monte degli Ulivi).

È successo nel primo pomeriggio di quest’oggi, 4 dicembre 2020, nei quartieri orientali della Città santa. Allertati dai responsabili del santuario retto dai francescani della Custodia di Terra Santa, sono subito intervenuti i vigili del fuoco e gli agenti della polizia israeliana, che hanno fermato un uomo sulla cinquantina che avrebbe cosparso le panche di liquido infiammabile per poi dargli fuoco (un breve video dei danni nella nostra pagina Twitter). Secondo The Times of Israel, si tratterebbe di un ebreo che risiede a Gilo, uno dei quartieri costruiti negli ultimi anni nei Territori palestinesi tra Gerusalemme e Betlemme.

Lo stesso quotidiano cita generiche fonti degli inquirenti secondo le quali il presunto colpevole sarebbe un criminale con precedenti per altri incendi dolosi. Nessuna particolare matrice ideologica avrebbe dunque motivato il suo gesto, stando ai primi accertamenti.

Gli attacchi incendiari o i vandalismi ai danni delle chiese non sono comunque una novità in Terra Santa. Ricordiamo tra gli altri il grave incendio al santuario della Moltiplicazione dei pani, a Tabgha, nel giugno 2015, e quello alla trappa di Latrun, nel 2012.

Come gesto di riparazione per l’oltraggio alla chiesa, domenica mattina 6 dicembre alle 10.00 nella basilica dell’Agonia il patriarca latino mons. Pierbattista Pizzaballa presiederà una messa insieme con padre Francesco Patton, custode di Terra Santa.

Clicca qui per un servizio video del Christian Media Center

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Il libro della felicità
MichaelDavide Semeraro

Il libro della felicità

Rileggere le Beatitudini
Dell’umana fratellanza e altri dubbi
Adnane Mokrani, Brunetto Salvarani

Dell’umana fratellanza e altri dubbi

Perché l’Europa ci salverà
Bartolomeo Sorge, Chiara Tintori

Perché l’Europa ci salverà

Dialoghi al tempo della pandemia