Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Il Museo Palestinese fa spazio alle famiglie

Giulia Ceccutti
24 novembre 2020
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Il Museo Palestinese fa spazio alle famiglie
Una giovanissima fruitrice del nuovo Spazio interattivo dedicato alle famiglie nel Museo Palestinese a Birzeit. (foto Palestinian Museum).

Nel Museo Palestinese, inaugurato a Birzeit pochi anni fa, è stato aperto uno spazio interattivo dedicato ai più piccoli e alle famiglie. Il museo produce anche contenuti digitali per la didattica a distanza e guarda al futuro.


«La maggior parte delle mostre dei musei di tutto il mondo è rivolta agli adulti. Il nostro è un tentativo di rendere la cultura, l’arte e i temi cui teniamo maggiormente accessibili a tutte le età». Parte da qui, nel corso della nostra telefonata, Hana Irshaid, responsabile del programma educativo del Museo Palestinese (The Palestinian Museum). Connotato da un’architettura dalle linee essenziali e integrato con il paesaggio e i giardini intorno, il museo è stato inaugurato nel 2016 a Birzeit, pochi chilometri a nord di Ramallah, ed è incentrato sui temi della storia, cultura e società palestinese.

A fine ottobre, in una delle gallerie, ha aperto – per la prima volta – uno spazio educativo interattivo per bambini tra i 4 e i 17 anni d’età e le loro famiglie. Cerca di combinare esplorazione, gioco e lavoro di gruppo e il nome completo recita Colour and words reveal the world: Interactive family Space («Il colore e le parole rivelano il mondo: uno Spazio interattivo per famiglie»).

Un esperimento inaugurato in un momento senza dubbio poco felice, come racconta la direttrice del museo Adila Laïdi-Hanieh: «Abbiamo aperto questo spazio in circostanze eccezionali, durante l’emergenza sanitaria da Covid-19, ben consapevoli del fatto che i bambini e le loro famiglie avrebbero perso l’opportunità di godere di luoghi pubblici che fossero allo stesso tempo divertenti ed educativi. Ci auguriamo di aver contribuito a colmare un vuoto». Il Museo Palestinese attualmente resta infatti aperto al pubblico, ma a causa della pandemia il numero dei visitatori ha avuto un drastico calo rispetto agli anni scorsi. Le visite scolastiche sono invece sospese.

Giochi e installazioni per piccoli artisti

Nato come un’estensione della mostra Printed in Jerusalem. Mustamloun – dedicata all’esplorazione del mondo della stampa a Gerusalemme e in particolare della figura del mustamly (in arabo colui che, in epoca classica, dettava i manoscritti ai copisti e fungeva da intermediario tra gli autori e il pubblico, spesso assumendo il ruolo di censore) – lo Spazio interattivo per le famiglie resterà aperto fino a marzo 2021. «L’idea è quella di replicare poi spazi analoghi nell’ambito delle prossime mostre più importanti», precisa Hana Irshaid.

Tra le sei sezioni interattive in cui è diviso lo spazio si segnalano in particolare Journeys («Viaggi»), nella quale i piccoli visitatori sono invitati a disegnare cartoline che promuovono le città e i villaggi palestinesi che più amano, e An Imagined Exhibition («Una mostra immaginaria»), dove ci si può cimentare nel ridisegnare ed allestire nuovamente l’esposizione.

Le principali attività proposte sono installazioni audio e giochi, mentre i materiali più utilizzati, oltre a stampe e strumenti di stampa, sono inchiostri a base d’acqua. I lavori dei bambini, esposti sulle pareti, diventano parte integrante del nuovo spazio.

Contenuti online in risposta alla pandemia

Chiediamo a Hana Irshaid come sia cambiata la fruizione del museo da parte di bambini e ragazzi nell’attuale fase di emergenza sanitaria. «Dato che, dall’inizio dell’anno, non possiamo più ricevere le comitive scolastiche, abbiamo deciso – in collaborazione con il ministero dell’Istruzione – di girare dei video educativi ispirati a questo spazio interattivo per portare ugualmente i suoi contenuti al nostro pubblico, soprattutto agli studenti (che ora fanno didattica a distanza) e agli educatori, in Palestina e nella diaspora. Pubblichiamo inoltre una serie di racconti per bambini ispirati a questo spazio: una sorta di catalogo della mostra pensato per i più piccoli, con registrazioni audio per i non vedenti disponibili gratuitamente per la consultazione e il download».

I contenuti vengono pubblicati sulle piattaforme con cui lavorano le scuole pubbliche palestinesi, su YouTube e sulle pagine Facebook di diversi istituti.

I progetti per il 2021

Da ultimo, uno sguardo al futuro. È in cantiere la preparazione di una nuova risorsa educativa intitolata «La storia dell’arte palestinese raccontata dagli oggetti» e ispirata alle precedenti esposizioni del Museo. «Lavoreremo con i bambini della Cisgiordania e di Gaza», spiega Irshaid, «per produrre un’opera d’arte che sarà esposta nella mostra Palestinian Shores («Coste palestinesi»), in programma per il 2021».

Nella speranza che anche le scuole possano tornare a frequentare il museo e le sue sale.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Benediciamo il Signore

Benediciamo il Signore

Preghiere per la mensa
La cucina come una volta
Anna Maria Foli

La cucina come una volta

Storie, segreti e antiche ricette da monasteri e conventi
La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

Verso nuovi modelli per la scuola delle competenze
Un nome e un futuro
Firas Lutfi

Un nome e un futuro

La risposta francescana al dramma siriano dei "bambini senza identità"