Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Un gruzzolo da mille e una notte

Christophe Lafontaine
17 gennaio 2020
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Un gruzzolo da mille e una notte
Le monete auree del primo periodo islamico rinvenute a Yavné, in Israele. (foto Liat Nadav-Ziv/Autorità israeliana per le antichità)

Sette pezzi d’oro, del primo periodo islamico sono recentemente venuti alla luce in Israele. Alcune monete vengono da Baghdad, altre dal Nord Africa.


Un piccolo gruzzolo di monete auree di 1.200 anni fa è stato ritrovato durante la costruzione d’un nuovo quartiere a Yavné, nell’area centro-occidentale di Israele. Lo ha reso noto un paio di settimane fa l’Autorità israeliana per le antichità.

Le sette monete d’oro sono state esaminate dal dott. Robert Kool, esperto numismatico dell’Autorità per le antichità, che le fa risalire all’inizio del periodo Abbaside (IX secolo d.C.).

Tra i preziosi dischetti c’è un dinaro d’oro coniato durante il regno di Harun Ar-Rashid (786-809 d.C.), il quinto califfo abbaside la cui corte di Baghdad fa da cornice a numerose novelle della celebre raccolta Le mille e una notte. Il califfo, e il suo visir Jafar ben Yahya, sono figure centrali in questi racconti popolari.

Reperti rari in Israele

«Il piccolo tesoro include anche monete che raramente vengono alla luce in Israele», ha precisato Robert Kool. «Parliamo – ha soggiunto – di dinari d’oro coniati dalla dinastia degli Aghlabidi (800-904 d.C. – ndr) che governava in Nord Africa, nella regione della moderna Tunisia, in nome del califfato abbaside che aveva il suo centro a Baghdad», ha aggiunto. Gli Aghlabidi erano certamente sottoposti al califfato in Iraq, ma intorno al IX secolo divennero relativamente indipendenti e batterono moneta, con i nomi dei loro leader.

Le monete degli Abbasidi non sono rare da ritrovare, anche se è poco frequente rinvenirne di auree. Le monete della dinastia aghlabide nordafricana sono, invece, alquanto rare. Nel 2015, a Cesarea Marittima, in mezzo a un tesoro di oltre 2.000 pezzi, gli archeologi rinvennero un piccolo numero di monete degli Aghlabidi, «ma erano tutti quarti di dinaro», ha spiegato Kool al quotidiano Haaretz, prima di specificare che a Yavné «abbiamo invece magnifici dinari, che pesano quattro grammi e sono d’oro puro al 90 per cento!».

Un tesoro in vasi d’argilla

La scoperta del tesoro è stata fatta a sud-est del sito archeologico di Tel Yavne, vicino all’ingresso di un forno di ceramica in una piccola pentola di terracotta parzialmente in frantumi. Un gran numero di forni «insolitamente grandi» sono stati scoperti nella zona. Ciò suggerisce l’esistenza di un sito industriale per la produzione commerciale di vasetti, otri e scodelle in argilla. Sito che sarebbe stato attivo dalla fine dell’era bizantina all’inizio del periodo islamico (VII e IX secolo). Il che fa dire a Liat Nadav-Ziv, co-direttrice degli scavi dell’Autorità archeologica, e ai suoi colleghi che le monete potrebbero essere state il risparmio personale di un vasaio che le teneva nascoste nel suo laboratorio.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Acque di Sopra e Acque di Sotto

Acque di Sopra e Acque di Sotto

Letture e interpretazioni di testi sacri
Finalmente libera!
Asia Naurīn Bibi, Anne-Isabelle Tollet

Finalmente libera!

I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19