Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Israele/Palestina, a che punto siamo

Terrasanta.net
1 ottobre 2017
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Israele/Palestina, a che punto siamo

Il genere letterario di questo libro è quello di un lungo e interessante reportage che cerca di dar conto della realtà qual è, a 50 anni dall'inizio dell'occupazione israeliana di Cisgiordania e Gaza.


(g.s.) – Ben scritta e di agevole lettura, quest’opera di due giornalisti sul campo e certamente appassionati alla causa palestinese, è uno sguardo disincantato e documentato all’oggi di Israele e Palestina, con un rapido riassunto di quanto accaduto nell’ultimo mezzo secolo.

Il genere letterario è, se vogliamo, quello di un lungo e interessante reportage che cerca di dar conto della realtà qual è. La stagione, ci raccontano Cruciati e Giorgio, è quella di una politica palestinese incapace di dare ali e visione strategica alle aspirazioni del suo popolo, a fronte, invece, di una dirigenza israeliana che ha ben chiari gli obiettivi a lungo termine, le tattiche e le strategie. È la stagione della generazione post-Oslo, dei nati dopo la seconda metà degli anni Novanta (parliamo di metà della popolazione palestinese): in Palestina sono giovani che non vedono un futuro dignitoso nella loro terra. Parecchi tra loro hanno buttato la vita nell’intifada dei coltelli, nel corso del 2015. È la stagione del tramonto della soluzione «due Stati per due popoli», sempre viva e presente nella retorica della comunità internazionale ma ormai resa impraticabile dalla politica del fatto compiuto israeliana e dall’espandersi degli insediamenti in Cisgiordania.

Un oggi che è caratterizzato anche da una “resistenza palestinese” più improntata alle iniziative individualiste che a strategie corali; da un’economia palestinese strozzata da corruzione interna e limitazioni imposte dall’occupazione. In questo oggi, Gerusalemme diventa sempre più sfavillante polo d’attrazione tecnologico e turistico in ossequio ai piani di sviluppo elaborati dagli israeliani a discapito dei settori orientali della città e delle istanze della popolazione palestinese destinata a diventare via via sempre più “invisibile”. E intanto si consuma la crisi politica di Hamas, e non solo di Fatah, incapaci entrambi di rispondere ai bisogni del loro popolo.


Chiara Cruciati – Michele Giorgio
Cinquant’anni dopo
1967-2017
I territori palestinesi occupati
e il fallimento della soluzione dei due Stati
Alegre, Roma 2017
pp. 224 – 15,00 euro

Mindfulness per mamme
Riga Forbes

Mindfulness per mamme

Pensieri per una maternità senza ansie
Che cosa sogni, Macchia?
Isabella Salmoirago

Che cosa sogni, Macchia?

La vita consacrata
Najib Ibrahim

La vita consacrata

Riflessioni bibliche sulla sequela di Gesù Cristo
Il sole anche di notte
Dominique Blain

Il sole anche di notte

La spiritualità della fiducia in Teresa di Lisieux e Francesco d'Assisi