Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Ramadan, tempo di pellegrinaggio

Terrasanta.net
9 giugno 2017
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
<i>Ramadan</i>, tempo di pellegrinaggio
6 giugno 2017: famiglie palestinesi sulla Spianata delle moschee a Gerusalemme durante il Ramadan. (foto Afif H. Amireh/Flash90)

(g.s.) – I musulmani stanno celebrando il mese santo del Ramadan – il nono del calendario islamico – dedicato al digiuno e alla purificazione, facendo memoria del momento in cui il Corano fu ispirato al profeta Muhammad (Maometto). In queste settimane i palestinesi moltiplicano i pellegrinaggi alla Spianata delle Moschee, che sovrasta il centro storico di Gerusalemme e attira gli sguardi con l’aurea Cupola della Roccia. Il venerdì, giorno della settimana dedicato al riposo e alla preghiera, è il momento del massimo afflusso. C’è anche chi si ferma fino a sera, per rompere il digiuno prescritto nelle ore diurne in compagnia di amici e parenti.

In realtà non tutti possono liberamente accedere al recinto sacro. Per ragioni di sicurezza gli israeliani impediscono la salita alla spianata a tutti i maschi giovani, tra gli 11 e i 40 anni d’età. E in ogni caso per superare i posti di blocco e raggiungere la meta del pellegrinaggio i palestinesi devono ottenere prima un’autorizzazione dalle autorità israeliane. Per i cittadini della Striscia di Gaza tutto è più complicato: solo un numero limitato di persone (qualche centinaio) potrà superare i valichi controllati dai militari dello Stato ebraico e raggiungere Gerusalemme. Restano esclusi, riferiscono gli organi di informazione palestinesi, i maschi fino ai 55 anni.

Mindfulness per mamme
Riga Forbes

Mindfulness per mamme

Pensieri per una maternità senza ansie
Che cosa sogni, Macchia?
Isabella Salmoirago

Che cosa sogni, Macchia?

La vita consacrata
Najib Ibrahim

La vita consacrata

Riflessioni bibliche sulla sequela di Gesù Cristo
Il sole anche di notte
Dominique Blain

Il sole anche di notte

La spiritualità della fiducia in Teresa di Lisieux e Francesco d'Assisi