Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Pulizie di Pasqua al Kotel

Terrasanta.net
7 aprile 2017
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Pulizie di Pasqua al <i>Kotel</i>
29 marzo 2017. Un addetto sgombera una fessura del Muro occidentale dai bigliettini accumulatisi. (foto: Yonatan Sindel/Flash90)

(g.s.) – A Gerusalemme moltitudini di persone ogni anno si soffermano in raccoglimento davanti al Muro Occidentale (il Kotel, anche noto come Muro del Pianto). Molti, non solo di fede ebraica, si conformano alla consuetudine di infilare tra le ampie fessure delle antiche pietre bigliettini ripiegati su cui sono scritte preghiere, lodi o richieste personali rivolte a Dio. Così hanno fatto, in occasione dei loro pellegrinaggi in Terra Santa, anche i tre ultimi papi: Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco.

I bigliettini si accumulano e, di tanto in tanto, è necessario ripulire il muro per fare spazio ai nuovi foglietti. Sotto la supervisione di un rabbino, gli addetti sgombrano le fessure con l’aiuto di bastoni in legno (le sbarre di metallo sono bandite per non “ferire” il luogo sacro). Tutti i biglietti caduti a terra vengono poi raccolti e bruciati.

L’operazione si ripete due volte l’anno: alla vigilia della festa di Rosh HaShanà (il Capodanno ebraico) e nei giorni che precedono la solennità di Pesach (Pasqua).

Quel che resta del Muro occidentale – alla base dell’odierna Spianata delle Moschee, ove sorgeva il secondo Tempio giudaico, distrutto dai romani nel 70 d.C. – misura 488 metri di lunghezza. Gran parte si trova nel sottosuolo. La porzione all’aperto, adibita alla preghiera pubblica nell’ampio piazzale, è lunga circa 50 metri e alta 19.

Preti verdi
Mario Lancisi

Preti verdi

L'Italia dei veleni e i sacerdoti-simbolo della battaglia ambientalista
Dizionario Bergoglio
Francesc Torralba

Dizionario Bergoglio

Le parole chiave di un pontificato
Più forte della morte è l’amore
Francesco Patton

Più forte della morte è l’amore

Meditazioni e preghiere per la Settimana Santa
La trappola del virus
Camillo Ripamonti, Chiara Tintori

La trappola del virus

Diritti, emarginazione e migranti ai tempi della pandemia