Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Naser che illustra il cristianesimo a Gaza

Terrasanta.net
27 dicembre 2016
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Naser che illustra il cristianesimo a Gaza
Naser Jeldha nella sua casa a Gaza.

Naser Jeldha è uno dei pochi cristiani della Striscia di Gaza e dipinge anche quadri a soggetto religioso. È il suo modo personalissimo per rendere la religiosità cristiana visibile anche fuori dalle chiese.


(i.s.) – A prima vista Naser Jeldha, 57 anni, è un artista come tanti. Trascorre le sue giornate intagliando figure religiose, cesellando immagini tratte dalla Bibbia e dipingendo icone che raffigurano i volti di Gesù, di Maria Maddalena e dei santi. Ti aspetteresti di trovare una bottega come la sua per le strade di Gerusalemme o a Nazaret, un luogo dove si producono oggetti d’arte sacra da vendere a turisti e pellegrini. E se così fosse, Naser Jeldha sarebbe probabilmente un artista come molti altri.

A rendere speciale il lavoro e le opere di Naser Jeldha è soprattutto il luogo in cui ha scelto di realizzarle: la Striscia di Gaza. Un territorio piccolo e sovraffollato, impoverito, bombardato a più riprese, negli utlimi anni, dalle forze armate israeliane e governato dagli estremisti islamici di Hamas. Un luogo dove vive una piccola comunità cristiana (appena 1.200 persone) e poco conosciuta.

«Vivo qui da 54 anni. Ho ottimi rapporti con i miei vicini di casa musulmani. Gaza è bellissima e non voglio lasciarla – spiega Naser –. Qui non mi sento straniero». Il suo studio si trova nei pressi di una chiesa ortodossa del Quinto secolo. Lui stesso è un membro della Chiesa greco-ortodossa. In vista del Natale (che gli ortodossi celebrano il 7 gennaio) Naser è molto impegnato: i muri del suo studio sono ricoperti dai suoi quadri; alcuni dipinti sono disposti sui braccioli delle sedie o delle poltrone; altri ancora appoggiati a un antico pianoforte russo.

Le sue icone e le sculture non saranno vendute. Sono regali per parenti e amici in vista delle feste. «Faccio tutto questo per la mia religione – dice Naser –. Voglio fare in modo che le persone la vedano, non deve essere relegata ai testi nelle chiese».

Nelle prossime settimane spera anche di riuscire a ottenere uno degli 800 permessi che il governo di Israele concede ai cristiani per lasciare Gaza e raggiungere Betlemme – nei Territori occupati in Cisgiordania – per assistere ai servizi liturgici nei luoghi in cui è nato Gesù. «Abbiamo fatto la richiesta per i permessi e se ci verranno dati voglio andare là con la mia famiglia», spiega Naser che è determinato a restare a Gaza, sebbene negli ultimi anni siano sempre più numerosi i cristiani come lui che hanno deciso di partire. Anche a causa della crescente crisi economica.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Finalmente libera!
Asia Naurīn Bibi, Anne-Isabelle Tollet

Finalmente libera!

I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19