Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Da Kirkuk ad Assisi, l’esodo di Nameer e famiglia

Ilaria Sesana
11 novembre 2016
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Da Kirkuk ad Assisi, l’esodo di Nameer e famiglia
Shosho e i suoi familiari all'arrivo in aeroporto con don Mario Cornioli.

Grazie al progetto Letti di Francesco, l'Istituto Serafico di Assisi ha accolto in questi giorni una piccola irachena affetta da grave disabilità. Con lei tutta la famiglia, costretta nel 2014 a fuggire da Kirkuk.


«Conosciamo bene la tua famiglia di cristiani infedeli. Non avete il diritto di vivere in Iraq. Ve ne dovete andare, altrimenti vi uccideremo». Era la sera del 2 giugno 2014, Nameer stava rincasando dal lavoro quando un gruppo di uomini armati lo ha fermato e minacciato puntandogli una pistola alla testa.

In pochissimo tempo, la normalità di questa famiglia irachena cristiana di Kirkuk (lui veterinario, lei insegnante, quattro figli) è precipitata in un incubo. «Quando sono tornato a casa, ho avvertito mia moglie di non uscire più per alcun motivo e di non aprire la porta a nessuno», racconta l’uomo. Che inizialmente non ha voluto rassegnarsi ad abbandonare la propria città.

Nel profondo del suo cuore Nameer continuava a conservare la speranza che i suoi figli potessero crescere nella città in cui lui stesso era nato. Credeva che sarebbe bastato tenere duro, in attesa di tempi migliori. Le speranze dell’uomo, però, si sono spente poco più di un mese dopo, quando i miliziani del sedicente Stato islamico (Isis) hanno conquistato Kirkuk. Nuove minacce telefoniche lo hanno convinto definitivamente a scappare.

A preoccupare Nameer e la moglie è soprattutto la figlia 14enne, Shosho, disabile per una paralisi cerebrale alla nascita. Sanno che il viaggio per lei sarà particolarmente duro e che da rifugiati sarà ancora più difficile trovare le medicine necessarie oltre che farle seguire una corretta attività di riabilitazione. In Giordania, dove la famiglia ha trovato rifugio nel settembre 2016 presso la nunziatura apostolica ad Amman, la situazione si fa sempre più dura giorno dopo giorno: Nameer (come tutti i profughi siriani accolti nel Paese) non può lavorare: trovare i farmaci per Shosho è sempre più difficile.

La situazione si sblocca quando – grazie alla mediazione di don Mario Cornioli, sacerdote toscano in servizio al patriarcato latino di Gerusalemme – viene coinvolto l’Istituto Serafico di Assisi, specializzato nella riabilitazione delle persone con disabilità gravi.

Grazie al progetto Letti di Francesco, l’istituto mette a disposizione di bambini disabili gravi che fuggono da guerre o da situazioni di assoluto abbandono, la possibilità di un ricovero gratuito, che viene sostenuto esclusivamente con la carità. «I posti letto che abbiamo creato con questo progetto – spiega Francesca Di Maolo, presidente del Serafico – godranno di tutte le necessità strumentali, di organico e di figure sanitarie specializzate e saranno totalmente a carico della solidarietà delle persone, nella convinzione che tutti siamo responsabili e custodi della vita».

Shosho e la sua famiglia sono arrivati all’aeroporto di Roma Fiumicino lo scorso 26 ottobre. Dopo tanta paura e incertezza, potranno finalmente iniziare una nuova vita.

I blog

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
La farmacia di Dio
Anna Maria Foli

La farmacia di Dio

Antichi rimedi per la salute, il buon umore, la bellezza e la longevità dalla tradizione monastica e francescana
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
Il volo di Nura
Paola Caridi

Il volo di Nura