Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.

Israele, al via la campagna di Siso contro l’Occupazione

Terrasanta.net
15 settembre 2016
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Israele, al via la campagna di Siso contro l’Occupazione
Il movimento Siso chiede la fine dell'occupazione israeliana dei Territori Palestinesi entro il mese di giugno 2017.

«Lasciamo i Territori palestinesi occupati entro il giugno 2017!» Con un appello firmato da 500 personalità israeliane entra nel vivo la campagna del movimento Salva Israele – Ferma l'occupazione (Siso).


(m.b.) – Entra nel vivo oggi la campagna del movimento Salva Israele – Ferma l’occupazione (Siso). Lo fa con un appello pubblico rivolto agli ebrei della diaspora e sottoscritto da oltre 500 personalità israeliane del mondo della cultura e delle istituzioni. L’auspicio della campagna – come anticipato nel Dossier di maggio-giugno 2016 della rivista Terrasanta – è che le comunità ebraiche all’estero levino la loro voce per chiedere al governo israeliano di ordinare il ritiro dalle terre occupate in vista del 5 giugno 2017, cinquantesimo anniversario della Guerra dei sei giorni e dell’occupazione militare dei Territori palestinesi.

Hanno firmato l’appello il premio Nobel per l’Economia Daniel Kahneman, la cantante Noah, gli scrittori Amos Oz e David Grossmann, 20 ambasciatori israeliani (fra i quali Alon Liel, Elie Barnavi, Colette Avital, Ilan Baruch), decine di parlamentari del calibro di Avraham Burg, 48 tra gli scrittori e gli scienziati insigniti dei massimi premi dallo Stato di Israele, come l’anglista Alice Shavit, 160 docenti delle università israeliane, come lo storico Zeev Sterhell, ai quali si è unito il filosofo dell’Università di Princeton (Usa) Avishai Margalit.

Secondo un sondaggio condotto nei giorni scorsi tra i cittadini israeliani e pubblicato dal movimento Siso insieme all’appello, la maggioranza degli israeliani ebrei (75,7 per cento) ritiene che lo Stato di Israele sia responsabile della sorte degli ebrei della diaspora, e che questi, a loro volta, siano responsabili dello Stato di Israele (78 per cento). La maggior parte degli israeliani ebrei (66,8 per cento) concorda sul fatto che il conflitto con i palestinesi influenza negativamente la condizione degli ebrei nel mondo. «Israele è uno Stato sovrano e indipendente, ma di fatto non è libero. Uno Stato che occupa e opprime un altro popolo per così tanto tempo non può essere realmente libero», ha dichiarato David Grossman nel firmare l’appello.

Insieme al cantante David Broza, al regista Amos Gitai e allo scrittore Sami Michael, tra i firmatari compaiono alti ufficiali dell’esercito israeliano come i quattro generali (in pensione) Amram Mitzna, Nathan Sharony, Zvi Kanor, Iftach Spector, e i colonnelli Shaul Arieli, Ze’ev Raz, Ben Ami Gov. Il loro appello agli ebrei della diaspora perché appoggino la campagna di Siso si unisce agli sforzi degli oltre 200 generali israeliani in pensione (ex capi dell’esercito e dei servizi segreti Mossad e Shin Bet) che con la loro organizzazione Comandanti per la sicurezza di Israele hanno elaborato un piano per il ritiro dei Territori che offre piene garanzie allo Stato ebraico e che hanno aderito all’iniziativa di Siso.

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai al sito dell'Ufficio pellegrinaggi
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
Il libro delle risposte della fede
MichaelDavide Semeraro

Il libro delle risposte della fede

Domande scomode a Dio e alla Chiesa
Il Santo e il Sultano

Il Santo e il Sultano

Damietta, l’attualità di un incontro