Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Israele ha 67 anni e veleggia verso gli 8 milioni e mezzo di abitanti

Terrasanta.net
23 aprile 2015
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
Israele ha 67 anni e veleggia verso gli 8 milioni e mezzo di abitanti
La festa d'apertura del giorno dell'Indipendenza di Israele, la sera del 22 aprile 2015. (foto Hadas Parush/Flash90)

Si celebra oggi in Israele la festa dell’Indipendenza e il 67.mo "compleanno" del moderno Stato ebraico. La ricorrenza è particolarmente sentita in un momento storico, come l’attuale, in cui tutto il Medio Oriente arabo ribolle e muta. Gli israeliani si contano: sono ora 8 milioni e 345 mila, per un quinto di nazionalità palestinese.


(g.s.) – Si celebra oggi in Israele la festa dell’Indipendenza e il 67.mo “compleanno” del moderno Stato ebraico. La ricorrenza è particolarmente sentita in un momento storico, come l’attuale, in cui tutto il Medio Oriente arabo ribolle e muta, e il futuro è per tutti – israeliani in prima linea – più che mai denso di incognite.

Ogni anno in occasione di questa ricorrenza l’Ufficio centrale di statistica israeliano diffonde alcuni dati demografici aggiornati sullo stato della popolazione: da quelli resi noti nei giorni scorsi apprendiamo che ora i cittadini di Israele sono 8 milioni e 345 mila. Oltre un quinto dei quali sono membri di quelle famiglie palestinesi che nel 1948 optarono per restare dove nelle loro terre, e nelle loro case, nonostante il sorgere del nuovo Stato, percepito come nemico.

Rispetto alla festa dell’Indipendenza dello scorso anno gli israeliani sono circa il 2 per cento in più. Negli ultimi dodici mesi gli ebrei che si sono stabilmente trasferiti in Israele dal resto del mondo sono stati 32 mila. La popolazione ebraica di Israele è ormai composta per i tre quarti da persone nate lì. Nel 1948 gli ebrei nati in Palestina erano invece il 35 per cento dei cittadini del nuovo Stato.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Benediciamo il Signore

Benediciamo il Signore

Preghiere per la mensa
La cucina come una volta
Anna Maria Foli

La cucina come una volta

Storie, segreti e antiche ricette da monasteri e conventi
La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

Verso nuovi modelli per la scuola delle competenze
Un nome e un futuro
Firas Lutfi

Un nome e un futuro

La risposta francescana al dramma siriano dei "bambini senza identità"