Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.

Un’ong israeliana ricorda uno ad uno i bimbi caduti a Gaza

Terrasanta.net
24 luglio 2014
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Dare un nome ai morti. Riconoscere una ad una le loro vite e persone per non lasciarle solo al gelo asettico delle statistiche. L'ong israeliana B’Tselem ha deciso di dare dignità almeno agli oltre 120 bambini e bambine, ragazzi e ragazze della Striscia di Gaza, rimasti vittime dell’Operazione Barriera protettiva lanciata da Israele l’8 luglio scorso.


(g.s.) – Dare un nome ai morti. Riconoscere una ad una le loro vite e persone per non lasciarle solo al gelo asettico delle statistiche. B’Tselem, il Centro israeliano per i diritti umani nei Territori (palestinesi) occupati, ha deciso di dare dignità almeno agli oltre 120 bambini e bambine, ragazzi e ragazze della Striscia di Gaza, rimasti fin qui vittime dell’Operazione Barriera protettiva lanciata da Israele l’8 luglio scorso.

I nomi di questi morti sicuramente innocenti scorrono di continuo nella homepage del sito dell’organizzazione, seguiti dall’età di ciascuno. Un modo per riparare alla lacuna dei media israeliani, dice B’Tselem, che giustamente onorano con nome e cognome i propri morti, ma non fanno altrettanto con i morti palestinesi.

Viene in mente il bel discorso che papa Benedetto XVI pronunciò visitando il Mausoleo dell’Olocausto, a Gerusalemme, l’11 maggio 2009. In una meditazione tutta incentrata sull’importanza di onorare il nome dei morti nella Shoah disse tra l’altro: «Mentre siamo qui in silenzio, il loro grido echeggia ancora nei nostri cuori. È un grido che si leva contro ogni atto di ingiustizia e di violenza. È una perenne condanna contro lo spargimento di sangue innocente. È il grido di Abele che sale dalla terra verso l’Onnipotente».

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme
Una forma di vita secondo il Vangelo
Francesco Patton

Una forma di vita secondo il Vangelo

Schede di riflessione sulla Regola bollata per la formazione permanente in fraternità
L’ebreo di Nazaret
Frédéric Manns

L’ebreo di Nazaret

Indagine sulle radici del cristianesimo