Terrasanta.net - Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia.
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Sui media libanesi non si spegne la polemica sul viaggio di Rai in Israele

Terrasanta.net
22 maggio 2014
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

L’arrivo di Papa Francesco in Terra Santa si avvicina - la mattina di sabato 24 maggio il pontefice sbarcherà ad Amman, in Giordania - e anche l’opinione pubblica del mondo arabo commenta e discute la sua visita. In Libano continua a suscitare polemiche la decisione del patriarca maronita Bechara Rai di recarsi a Gerusalemme per accogliere il Papa.


(Milano/c.g.) – L’arrivo di Papa Francesco in Terra Santa si avvicina – la mattina di sabato 24 maggio il pontefice sbarcherà ad Amman, in Giordania – e anche l’opinione pubblica del mondo arabo commenta e discute la sua visita.

In Libano continua a suscitare polemiche la decisione del patriarca maronita Bechara Boutros Rai di recarsi a Gerusalemme per accogliere, il prossimo 25 maggio, Papa Francesco. Una polemica che sembra appassionare non tanto la locale comunità cristiana, quanto l’opinione pubblica musulmana o laica del Paese. Secondo i detrattori, una visita del patriarca rischierebbe di «normalizzare» le relazioni con Israele, con cui tecnicamente il Libano è ancora in stato di guerra. Rai ha confermato però che andrà comunque a Gerusalemme, rivendicando il suo diritto di accogliere il pontefice nel territorio della suo patriarcato che si estende anche su Israele e i Territori palestinesi. La sua sarà tra l’altro la prima visita di un patriarca maronita a Gerusalemme a partire dal 1948.

Ieri nella città di Sidone sono stati arrestati e poi rilasciati tre giovani del partito comunista libanese che distribuivano volantini contro il viaggio dell’ecclesiastico: «La resistenza libanese rifiuta il viaggio del patriarca Rai», «Boicottare Israele e i suoi alleati è uno strumento a cui non rinunceremo», sono alcune delle frasi dei volantini. D’altra parte, diversi opinionisti laici e lontani da posizioni religiose si sono esposti in difesa della scelta del patriarca: «È troppo facile definire uno traditore o agente dei servizi segreti e invocare la sua esecuzione non appena pronuncia la parola Israele – scrive A Separate State of Mind, uno dei più seguiti blog libanesi –. Ormai è quasi un riflesso condizionato. Non si può più accettare questo terrorismo ideologico! (…) Che vantaggio ci sarebbe se il patriarca rimanesse a Bkerke (la sede del patriarcato maronita in Libano – ndr) mentre il Papa è a Gerusalemme? Che messaggio positivo potrebbe lanciare? Non è ormai il tempo di discutere su cosa fare o non fare, senza minacciare qualcuno di morte?». «La recente levata di scudi contro la visita del patriarca maronita nei territori palestinesi è l’ennesima presa di posizione ipocrita ed ideologica (…) della scena libanese – commenta Gino’s blog, altro commentatore molto seguito in Rete -. Quando Mahmoud Ahmadinejad (l’ex presidente iraniano – ndr) si recò a New York e pronunciò un discorso all’università, perché non vi siete sentiti offesi? Perché dunque quel suo gesto non è stato così inaccettabile come quello del patriarca Rai?».

In Israele, la piccola comunità cristiana locale – in gran parte araba – spera che la visita del Papa possa essere l’occasione per un cambiamento positivo. Il quotidiano libanese The Daily Star riferisce che alcuni abitanti cattolici originari dei villaggi di Iqrit e di Kufr Bi’rim, nel nord di Israele, hanno indirizzato al pontefice una lettera aperta. I due villaggi, molti vicini al confine con il Libano e abitati da cristiani, nel 1948 vennero occupati dall’esercito israeliano che intimò agli abitanti di abbandonarli. Oggi gli antichi paesini sono praticamente disabitati e i discendenti dei loro abitanti sono sparsi in tutto il nord di Israele (una famiglia di Iqrit sarà tra quelle che pranzeranno con Papa Francesco a Betlemme domenica). Nella lettera indirizzata al pontefice questi cristiani gli chiedono di aumentare la pressione su Israele perché ponga fine alle ingiustizie inflitte alla loro comunità.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
La notte di Natale
Papa Francesco

La notte di Natale

Il buon augurio del presepe
La città della speranza
Lesław Daniel Chrupcała

La città della speranza

Incontrare Gerusalemme