Terrasanta.net | Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

La messa del Papa ad Amman è quasi una festa della famiglia

Carlo Giorgi
24 maggio 2014
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile
La messa del Papa ad Amman è quasi una festa della famiglia
La celebrazione della messa sul palco dello stadio di Amman.

Papa Francesco incontra oggi i cristiani di Giordania allo stadio di Amman, dove - alle 16 ora locale - celebra una messa di fronte ad almeno 30 mila fedeli. Officiano assieme al Papa 115 sacerdoti, 60 tra diaconi e religiosi di diversi Paesi arabi, e i patriarchi delle Chiese cattoliche d’Oriente. La messa allo stadio di Amman è quasi una festa della famiglia. Oltre 1.200 bambini riceveranno la prima comunione.


(c.g.) – Papa Francesco incontra oggi i cristiani di Giordania allo stadio di Amman, dove – alle 16 ora locale – celebra una messa di fronte ad almeno 30 mila fedeli. Officiano assieme al Papa 115 sacerdoti, 60 tra diaconi e religiosi di diversi Paesi arabi, e tutti e sei i patriarchi delle Chiese cattoliche d’Oriente: Fouad Twal, patriarca latino di Gerusalemme; il greco-cattolico Gregorio III Laham, il copto-cattolico Ibrahim Isaac Sidrak, l’armeno-cattolico Narsis VIII, il siro-cattolico Ignatius Joseph III Younan e il caldeo Louis Raphael I Sako. Tra gli officianti, anche il patriarca maronita Bechara Rai, giunto ieri da Beirut ad Amman e intenzionato a seguire Papa Francesco fino a Gerusalemme e in Israele, nonostante le polemiche che questo suo gesto ha provocato in Libano, da dove proviene.

Sul fondale del palco che ospita l’altare, il Papa e i concelebranti principali campaggiano due gigantografie di san Giovanni Paolo II e Giovanni XXIII i due Pontefici canonizzati il mese scorso da Papa Francesco.

La messa allo stadio di Amman si preannuncia quasi una festa della famiglia: «Nel corso della messa ci saranno le prime comunioni di 1.223 bambini  – spiega padre Rifat Bader, portavoce del patriarcato latino di Gerusalemme per la visita del Pontefice in Giordania –; assieme a questi ai bambini ci saranno i loro genitori. In Giordania la famiglia è ancora una istituzione forte; vorremmo dire, celebrando con le famiglie le prime comunioni, che l’educazione cristiana non è solo compito della scuola o della Chiesa ma, in particolare, del capofamiglia. Questo è l’anno preparatorio del Sinodo dei vescovi sulla famiglia e la prima comunione è una festa di tutta la famiglia».

Tra i presenti moltissimi giovani, arrivati non solo dalla Giordania, ma anche da Libano, Iraq e dagli altri Paesi arabi vicini. Miriam David Kassis, 20 anni, studia ingegneria e frequenta il gruppo giovanile dei lassaliani. «Essere cristiani qui in Giordania non è così difficile – racconta Miriam -: possiamo andare nelle nostre chiese, avere il nostro stile di vita; anche se, essendo quella giordana una società islamica, non siamo liberi esattamente come in altri Paesi. Per noi la visita del Papa è un semaforo verde: ci dà lo slancio per continuare le nostre attività». Hesham Swedan, 22 anni, frequenta un gruppo animato dai francescani, nella parrocchia della Vergine Maria di Amman. «Qui, come cristiani non abbiamo grandi problemi – racconta Hesham -: viviamo in pace in pace con tutti; ma non tutti ci amano. Con i fondamentalisti islamici abbiamo qualche difficoltà». Tra i giovani cristiani che vivono in Giordania, diversi sono rifugiati iracheni.  Arwa Adnan, 31 anni, è arrivata in Giordania nel 2010, fuggendo  da Baghdad. È in attesa di un visto per la Germania o per l’Olanda, dove vivono alcuni parenti: «Il Papa ci porta speranza – spiega -. Siamo contenti perché sappiamo bene che non è facile per il Papa venire in un Paese arabo. Hans Gorgis, 20 anni, un anno fa è stato vittima di un attentato a Baghdad; è astato curato ad Amman. «Ho rischiato la vita ma grazie a Dio sono guarito – racconta -. Ora mi sto preparando per andare in Canada».

Tra i partecipanti alla celebrazione, anche molte scolaresche. In tutto il Paese lavorano 24 scuole del Patriarcato latino di Gerusalemme; ma solo ad Amman sono 50 gli istituti cristiani, privati o di altre Chiese. Fra Rachid Mistrih è il direttore del Terra Sancta College, prestigiosa scuola della Custodia di Terra Santa, aperta ad Amman fin dal 1949. «La scuola è la spina dorsale della Chiesa nel Medio Oriente – spiega fra Mistrih -, perché è un’istituzione qualificata, ben vista da tutti, cristiani e musulmani. Mentre la parrocchia accoglie i cristiani, la scuola accoglie tutti: per questo bisogna insistere su un buon livello di servizio, educativo e accademico, e questo dà forza alla stessa Chiesa».

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai al sito dell'Ufficio pellegrinaggi
Sostienici

Terrasanta.net conta anche sul tuo aiuto

Dona ora
In nome dell’amore
Simone Weil

In nome dell’amore

Investigazioni spirituali su Gesù di Nazaret
«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

«Mangia il pane con gioia, bevi il vino con allegria»

Letture di testi sacri per vivere insieme
Atti degli apostoli: analisi sintattica
Lesław Daniel Chrupcała

Atti degli apostoli: analisi sintattica

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Calendario di Terra Santa 2020 (da tavolo)

Gregoriano, giuliano, copto, etiopico, armeno, islamico, ebraico