Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia

Video – La Giornata internazionale della fede, in Terra Santa

Franciscan Media Center
20 novembre 2013
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

La fede supera tutte le frontiere. È il messaggio della Giornata internazionale della fede svoltasi domenica 17 novembre a Nazaret sul Monte del Precipizio. Alla celebrazione presieduta dal patriarca latino di Gerusalemme, mons. Fouad Twal, hanno partecipato circa 7 mila fedeli: cristiani locali e pellegrini provenienti da Polonia, Brasile, Italia e Spagna. L’iniziativa è nata in collaborazione con il ministero israeliano del Turismo.


La fede supera tutte le frontiere. È il messaggio fondamentale della Giornata internazionale della Fede svoltasi domenica 17 novembre sul Monte del Precipizio, a Nazaret, pochi giorni prima della chiusura dell’Anno della fede, indetto da  Benedetto XVI. Una celebrazione presieduta dal patriarca latino di Gerusalemme, mons. Fouad Twal, all’insegna della varietà, elemento caratteristico di questa terra che riunisce tante confessioni e riti diversi. Circa 7 mila i fedeli presenti: oltre ai cristiani locali anche pellegrini provenienti da Polonia, Brasile, Italia e Spagna. L’iniziativa è nata grazie alla collaborazione con il ministero israeliano del Turismo.

In Terra Santa coi francescani

Recarsi in Terra Santa è toccare con mano i luoghi in cui il Verbo di Dio è entrato nell’esperienza umana in Gesù di Nazaret.

Vai alla pagina
dell'Ufficio pellegrinaggi
Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Benediciamo il Signore

Benediciamo il Signore

Preghiere per la mensa
La cucina come una volta
Anna Maria Foli

La cucina come una volta

Storie, segreti e antiche ricette da monasteri e conventi
La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

Verso nuovi modelli per la scuola delle competenze
Un nome e un futuro
Firas Lutfi

Un nome e un futuro

La risposta francescana al dramma siriano dei "bambini senza identità"