Storie, attualità e archeologia dal Medio Oriente e dal mondo della Bibbia
A Milano presso la Fondazione Terra Santa il 19 marzo 2013 alle 18.30.

Galilea, terra della luce

19/03/2013  |  Milano
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

La Fondazione Terra Santa propone un incontro – gratuito, previa iscrizione – sul tema:

Viaggio in Galilea
Terra della luce

martedì  19 marzo 2013, alle 18.30
presso la Fondazione Terra Santa
in via G. Gherardini, 5 a Milano

La Galilea, ben presente nel Nuovo Testamento, è una regione poco menzionata nell’Antico: nel libro di Isaia è detta «terra delle genti», cioè terra pagana, eppure il profeta stesso annuncia che da essa sorgerà la luce capace di illuminare tutta la Storia. Fra Pietro Kaswalder, docente presso lo Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme, ci guiderà alla conoscenza di questa terra, in un viaggio tra storia, archeologia e fede.

Intervengono:

• fra Pietro Kaswalder ofm, autore del volume Galilea terra della luce (Edizioni Terra Santa) 
• don Fabio Ferrario, direttore de Il Mondo della Bibbia

Introduce Giuseppe Caffulli, direttore della rivista Terrasanta

Partecipazione gratuita, previa iscrizione presso:
Edizioni Terra Santa,
Roberto Orlandi
tel. 02 34 59 26 79
email: orlandi@edizioniterrasanta.it

Per raggiungere la Fondazione Terra Santa coi mezzi pubblici:
bus 61 (fermata Milton/Pagano) – tram 1, 19 (fermata Arco della Pace) – M1/M2 Cadorna. A due passi la stazione 181-Sempione/Melzi d’Eril di
BikeMi, il servizio di bike-sharing del Comune di Milano. 

 

Newsletter

Ricevi i nostri aggiornamenti

Iscriviti
Preti verdi
Mario Lancisi

Preti verdi

L'Italia dei veleni e i sacerdoti-simbolo della battaglia ambientalista
Dizionario Bergoglio
Francesc Torralba

Dizionario Bergoglio

Le parole chiave di un pontificato
Più forte della morte è l’amore
Francesco Patton

Più forte della morte è l’amore

Meditazioni e preghiere per la Settimana Santa
La trappola del virus
Camillo Ripamonti, Chiara Tintori

La trappola del virus

Diritti, emarginazione e migranti ai tempi della pandemia